skip to Main Content
Menù

Fresco freschissimo!

Continua il filone del “non ho voglia di cucinare, non ho voglia di accendere il forno, ho voglia di gelati, di succhi di frutta, di te freddo“… solo che se continuo a mangiare gelati, la prova costume si trasforma in una sfida da Giochi senza frontiere, e dato che tra poco più di dieci giorni parto per un lungo weekend in Sicilia (non vedo l’ora) qui bisogna contenersi. Quindi frutta, frutta, frutta.

Solo che frutta oggi, frutta domani… mi annoio! Allora ho pensato: perché non provare le gelatine? a dir la verità non le avevo mai fatte e mai mangiate, e mi inquietavano pure un poco, tutte tremebonde come sono! Qualche giorno fa avevo delle belle pesche noci profumate e mi son detta che era arrivato il momento di usarle e di superare il timore per le gelatine. Visto che era la volta delle prime volte, perché non inserire anche la lavanda?

Come avevo detto anche a Virginia, io ho tanta lavanda, ma l’idea di usarla nel commestibile un po’ mi suona strana perché io sono abituata a sentirla negli armadi di casa nei sacchettini fatti da nonna e mamma! Ma devo dire che i tentativo mi ha veramente soddisfatta!

::::: GELATINE A PESCA E LAVANDA :::::

Ingredienti per 5 gelatine:

  • pesche noci, 4
  • zucchero, 100 gr
  • colla di pesce, 4 fogli
  • acqua, 100 ml
  • lavanda, 3 rametti

Sbuccia le pesche, tagliale a cubetti e mettile in infusione con lo zucchero e i rametti di lavanda (intera, così non si perdono i chicchini) per un’ora al fresco.

Dopo un’ora togli la lavanda e frulla le pesche per ottenere una crema vellutata, liscia ed omogenea. Passa la composta di frutta al colino per togliere eventuali grumi della pesca. Dovresti ottenere circa 400 ml di polpa, aggiungi acqua fino ad avere 500 ml di frutta. Metti i fogli di colla di pesce in asqua fredda ad ammollare.

Trasferisci la polpa di frutta in un tegamino e scaldala al punto di ebollizione. Se vuoi un aroma più intenso, aggiungi a questo punto i rametti di lavanda in modo che rilascino il loro profumo alla frutta. Quando la frutta prende il bollore, togli la lavanda ed aggiungi la colla di pesce strizzata. Mescolala velocemente fino a che non si scioglie del tutto e trasferisci il composto di frutta in 5 stampini da 100ml.

Lascia raffreddare in frigo per almeno 4 ore. Per sformare le gelatine, immergi brevemente lo stampo in acqua calda e giralo velocemente su un piatto da portata. Se lo stampo è in silicone – come avevo io – è tutto più facile.

In definitiva, le gelatine sono piaciute molto, le abbiamo mangiate a merenda ma sarebbero anche un ottimo dessert a conclusione di una cena estiva con uno spumantino ghiacciato.

Sharing is caring:
This Post Has 26 Comments
  1. Juls, ma sai che ti sono venute davvero bene??
    Io le gelatine le faccio col procedimento dei geli siciliani: con la maizena.
    Ieri sera tavola imbandita a suon di lavanda…quanto mi piace!!

  2. @ CorradoT: e poi il sapore rimane! te considera che ogni mattina passo accanto alla lavanda per andare al garage, e ogni volta mi torna in mente il sapore delle gelatine!
    @ Virgi: non sapevo… mi devo informare. Già pensavo di tentare ocn l’agar agar, perché poi a raccontare cos’è la colla di pesce mi passa tutta la poesia!
    @ Elisa: freschissima, leggera, carefree, senza pensieri, prova costume aspettami (che tanto non mi presento, eh eh) 😛
    @ Micaela: graziee!! in effetti erano (imperfetto) buone! 🙂

  3. Uffa, basta, mi farete morire di invidia…
    Voglio cucinare anch’io!!!
    Non vale, qui ho due sgangherate piastre che solo per far bollire la pasta devi prenderti un giorno di ferie…
    Questo dolce deve essere mio!!! Io impazzisco per la lavanda… Soprattutto mi piace utilizzarla nei dolci, trovo che sia perfetta. Estremamente raffinata. Per dire, qua mi sono comprata dei “lavender shortbread” per il tè delle 5, e una gelatina/marmellata di lavanda che sembra la fine del mondo…
    Ah dimenticavo, le foto sono sempre più belle! Complimenti!
    Ma proprio a me la macchina fotografica doveva abbandonarmi 2 giorni prima della partenza?!?!
    Buon fine settimana!

  4. L importante è non esagerare con la lavanda..io ho dei vicini di casa che ancora mi prendono ing iro! Queste gelatine mi erano piaciute già da Flickr, bellissime!

  5. anch’io adoro le gelatine ne ho fatte anche di piccole e sono sfiziosissime e fresche come le tue cosi belle solari e lucidissime!!!!come faremo senza di te quando partirai????va be aspettteremo il ritorno che sara ancora piu ricco di idee:-)un bacione grande imma

  6. io alla prova costume ho rinunciato circa 8 anni fa e ancora non ne sento la mancanza!Io da brava amante di tutto ciò che è inglese, o che mangiano gli inglesi, per le gelatine vado letteramente pazza!!con tanto di saltelli e urletti di gioia quando mi capita di riuscire a mangiarle! questa ricetta è una gioia anche per gli occhi, e l’idea della lavanda mi piace molto visto che l’adoro! Brava Juls, sempre cose buonissimeeee e foto sempre più belle!!!!
    P.S. ma cosa avete tutti contro la colla di pesce? poverella lei non vi ha fatto nulla se non aiutarvi e tener su queste meraviglie!Detto questo, io uso sia quella che l’agar agar ma la consistenza finale che si ottine è diversa!
    Baciotti baciotti

  7. @ Caro: quanto stai Caro a Londra? se ci sei sempre ad agosto mentre volo su Londra ti butto col paracadute le gelatine! stai sotto a bocca aperta e le mangi! eh eh
    Guarda, io ci starei un po’ a Londra, ancher con 1 piastra sola.. shortbread alla lavanda.. buoni! ma come la macchina ti abbandona?? noooo!!!
    @ Elga: già, anche io ci sono andata cauta, amettendone poca per volta, per paura che poi le gelatine sapessero di saponetta!
    @ Imma: tornerò con tante buonissime ideee, molto buone! mi hanno già detto che si mangerà molto bene! eh eh
    @ Nicole: infatti mi mancavano per sentirmi perfettamente inglese!! io contro la colla di pesce non ho nulla, anche perché fino ad adesso ho usato sempre e soltanto questa, ma mi sono incuriosita per l’agar agar… devo indagare, anche se la consistenza jelly delle gelatine è troppo bella con la colla di pesce!
    @ Ale: ma caio anche a te! non fa tanto saluto romano? eh eh ave caio cesare! io tutto bene, te super mega impegnatissima maxi mamma come va? un bacione!

  8. No, ad agosto non sarò più qua… Peccato ci sarei stata a bocca aperta ad aspettare una di queste golose gelatine! 😉
    Eh sì, la mia gentilissima macchina fotografica ha deciso di non funzionare più proprio alla vigilia della partenza… Ti lascio immaginare il panico ed il giramento.
    Quindi in fretta e furia ne ho dovuta cercare una tra le persone che conoscevo. Quella santa di mia sorella mi ha prestato la sua, che però dire che è “da battaglia” è farle un complimento! E si vede bene… La qualità delle foto è pessima, ma meglio di niente no?!? Allora ci si accontenta…
    Un bacio!

  9. In una puntata dei Teletubbies, due bambini fanno un mega-gelato che poi decorano con le gelatine di tutti i colori. Oggi ho provato quella allo spritz, con l’agar agar. Mi sa che questa alle pesche è più adatta per la Gegè. 😉
    Grazie!

  10. Mamma che belli questi dessert alla frutta! leggeri e colorati!
    anche noi siamo proprio curiose di provare la lavand ain cucina…e questi budini ci tentano parecchio (anch eperchè abbiamo lo stesso stampo 😉
    Un bacione

  11. @ Giovanna: grazie grazie!!!
    @ Caro: allora ad agosto se sei a Firenze vengo a conoscerti, ho diversi giorni di ferie! possiamo incontrarci al mercato di San Lorenzo e fare pazzie, eh? che dici?
    @ Babu: ma sto agar agar… via, lo devo provare! queste sì, son proprio da bambini! la vedo bene in mano alla Gegè con quelle manine ciocciotte e il cioccolato che fa ‘buongustaia’ sotto le unghie!
    @ Rossa: Giulia! grazie davvero! l’accostamento frullava nella testa e nell’aria da un po’.. una cara amica c’ha fatto la marmellata, e allora ho detto, perché non provare?
    @ Manu e Silvia: uguale uguale?? ganzo! allora dovete provarle, le ho sformate benissimo!

  12. Ciao!
    Ti scrivo per proporti di partecipare ad un contest culinario organizzato dal sito di cucina Giallo Zafferano
    Il titolo è Ricette sotto l’ombrellone ed i giurati che decreteranno i vincitori sono nientepopodimenochè Alessandro Borghese e Sergio Maria Teutonico.
    ti lascio il link per il regolamento:
    http://forum.giallozafferano.it/sapore-di-sfida-iii-ricette-sotto-lombrellone/
    Puoi partecipare anche come blogger….ti aspettiamo!
    puoi richiedere il modulo di adesione per i blogger al mio indirizzo mail:
    martinaspinaci@gmail.com

  13. @ Babs: mi garba stellina, mi chiamava anche mia mamma così prima che diventassi più dimensione Giove coi satelliti e gli anelli! =P
    @ Betty: lasciati tentare! a te buona settimana!
    @ Genny: carisssssima! grazieeeee! ti ho scritto!
    @ Dada: grazie grazie! ora mi ci andrebbe una gelatina fresca!
    @ Martina: grazie per il suggerimento! mi imepgno a partecipare!
    @ CorradoT: ottimo, io ho aggiornato il file!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top
Cerca