skip to Main Content
Menù

Di insalate di cereali estive e orzo integrale

In principio era il riso. Ogni estate, puntuale come le cicale, le corse in bicicletta e il profumo di tigli, arrivava anche il momento delle insalate di riso. Nonna e mamma stipavano enormi zuppiere in ceramica bianca nel frigorifero almeno due volte a settimana. Il riso era cotto al dente, scolato e raffreddato sotto l’acqua del rubinetto, poi raccolto in una zuppiera e unto con un po’ d’olio in modo che i chicchi non si attaccassero tra loro.

Ci aggiungevano sottoli e sottaceti, capperi, uovo sodo, formaggio, tonno, würstel e olive. Erano gli anni ottanta. Le giacche con le spalline e i capelli cotonati imperversavano insieme alla maionese, che veniva aggiunta solo all’ultimo, a cucchiaiate, a legare il riso con il condimento.

Insalata di orzo integrale

Con il cambiare delle mode, della musica e delle mie letture preferite, anche le insalate estive di cereali mutarono forma, aspetto e consistenza. Qualche anno fa a casa apparve il farro e rubò la scena al riso, grazie alla sua consistenza così piacevole sotto ai denti e al suo gusto che ricorda vagamente la frutta secca. Anche il condimento si alleggerì: subentrarono verdure, pesto, pomodorini e olio extra vergine di oliva.

Le evoluzioni delle insalate estive non finiscono qui, però. Questo per me è l’anno dei cereali integrali, dell’orzo e dell’avena, da condire con verdure cotte velocemente in padella con un filo d’olio, olive nere e basilico fresco. Quanto alle verdure, non mi discosto dalla mia sacra triade estiva: melanzane, zucchine e pomodori, che ricorrono costanti in ogni pasto, sotto le forme più disparate – al forno, grigliate o saltate in padella.

Insalata di orzo integrale

Eccoci alla seconda ricetta per Lagostina, questa volta con il Wok di Lavinia, una bellissima linea antiaderente ad effetto marmorizzato. Nel cuocere le verdure per questa insalata di orzo integrale è stato sufficiente pochissimo olio: melanzane, zucchine e pomodori si sono dorati, rimanendo leggeri e morbidi, il condimento ideale insieme a qualche cucchiaino di olive nere tagliate a rondelle.

Insalata di orzo integrale e verdure saltate

L’orzo integrale ha una consistenza rustica e quasi croccante, la base per infinite varianti di insalate estive. Condite l’orzo con melanzane saltate, zucchine e pomodori, aggiungete una manciata di olive nere e qualche foglia di basilico spezzettata con le mani. Conditela con il vostro miglior olio extravergine di oliva e con un po’ di origano secco. Preparatela in anticipo, mettetela in frigo e l’avrete pronta per una cena veloce o per portarla in spiaggia, dagli amici o al prossimo barbecue.

Potete servirla fredda, a temperatura ambiente o appena tiepida, decidete in base alle temperature del giorno che dovrete affrontare. Aggiungete le verdure che più vi piacciono, ma anche gamberetti appena scottati in padella, tonno o sgombro, un pesto di semi e rucola o il classico pesto di basilico. Evitate la maionese però, non solo fa troppo anni Ottanta ma coprirà anche il gusto piacevolmente rustico dell’orzo.

5.0 from 1 reviews
Insalata di orzo integrale
Autore: 
Tipo di ricetta: Primo
Cucina: Italiana
Tempo di preparazione: 
Tempo di cottura: 
Tempo totale: 
Porzioni: 4
 
Avrai bisogno di...
  • 200 g di orzo integrale
  • 2 zucchine medie
  • 1 melanzana oblunga
  • 6 pomodori datterini
  • 1 spicchio di aglio
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 2 cucchiai di olive nere denocciolate
  • Sale
  • Origano secco
  • Basilico fresco
Come si fa...
  1. Mettete l’orzo in ammollo la sera prima. Il giorno stesso sciacquate l’orzo sotto l’acqua corrente, mettetelo in una pentola e copritelo di acqua: usate una quantità di acqua pari a sei volte il suo volume. Cuocetelo al minimo per circa un’ora e mezzo, finché non sarà morbido, ma sempre al dente. Scolatelo e raffreddatelo sotto l’acqua corrente.
  2. Tagliate melanzane, zucchine e datterini a cubetti di uguali dimensioni, metteteli in padella con l’olio extra vergine di oliva, uno spicchio di aglio schiacciato e un pizzicotto di sale. Cuocete a fuoco medio, girando spesso le verdure, finché non saranno morbide, dorate e ben cotte. A questo punto aggiungete in padella l’orzo, le olive denocciolate tagliate a rondelle e un po’ di origano secco, amalgamate tutto, regolate di sale e fate insaporire per pochi minuti a fuoco medio. Guarnite con del basilico fresco e servite tiepido.

Tocca a voi!

Ora vi passo la palla. Qual è la vostra insalata di cereali preferita? Siete più tipi da riso bianco o da riso integrale, magari Venere o rosso? Avete mai provato l’orzo integrale? e i condimenti? State sul classico o giocate con l’ispirazione del momento? Sono curiosa di sapere cosa mettete nel frigo in estate!

Insalata di orzo integrale

Sharing is caring:
This Post Has 5 Comments
  1. Ciao Giulia.
    Io ho provato più volte l’orzo decorticato. Per ovviare alle tempistiche di cottura un po’ lunghe e alla necessità dell’ammollo, di solito lo cucino e lo surgelo già porzionato. Per il condimento non ho grandi suggerimenti…verdura di stagione a volontà. Talvolta mi piace aggiungere dei pomodori secchi sott’olio tagliati a pezzettini e soprattutto il mio amore…la cipolla di Tropea.
    Un abbraccio e alla prossima.

    P.S.:…mi hai fatta sorridere con la frase “…erano gli anni 80”. In effetti era tutto un “…maionese a gogo”…per non parlare di piatti tipo tortellini panna e prosciutto…wow…che tempi!

  2. Anch’io fino a poco tempo fa conoscevo solo le insalate di riso, rigorosamente senza maionese, in famiglia non siamo grandi appassionati! Da quando non vivo più con i miei però sono un po’ più libera di sperimentare e così… via libera a nuovi cereali! Recentemente ho provato l’insalata di avena con zucchine grigliate, pomodorini e cubetti di mozzarella a cui ho aggiunto foglie fresche di menta, maggiorana e basilico.
    Non ho ancora provato l’orzo integrale, dovrò rimediare al più presto!!

  3. Io non sono portata per i lunghi tempi di cottura!! Utilizzo i cereali integrali precotti che trovo dal biologico (orzo, farro, grano e avena) e in 15 minuti siamo tutti a tavola! Ultimamente la mia preferita è con sgombro che cuocio al vapore, carote e sedano che con la grattugia grossa diventano piccoli petali, qualche pomodoro datterino frullato, un po’ di olive, e tanto basilico!
    Ciao Giulia, bellissimo blog, Complimenti!
    Maddalena

  4. Dicevo…ho riscoperto la quinoa…giocoforza, perchè mio figlio è celiaco, perciò è quasi una scelta obbligata, ma è stata una bella scopeta, tuttavia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai un voto a questa ricetta:  

Back To Top
Cerca