skip to Main Content

Foodies in Rome: the day after

E siamo arrivati al giorno dopo. Mi succede proprio come al ritorno dalle vacanze: guardo le foto, sorrido, mi ricordo le battute, mi si riempono gli occhi di gioia al pensiero delle persone speciali che ho conosciuto, poi vengo presa da un misto di malinconia e tenerezza al pensiero che quella giornata tanto bella ed attesa è già passata… quello che però rimane di bello è la casella di posta intasata dai messaggi di tutti i partecipanti, c’è fermento, c’è voglia di fare e di scoprire insieme, di conoscerci e condividere le nostre passioni.

E questo mi fa felice. Insieme si sogna meglio, si costruiscono castelli in aria più alti e luminosi, e insieme si mettono anche le fondamenta per trasformare in realtà quelli che sono sogni ad occhi aperti.

Più che alle parole, lascio alle foto la descrizione della prima edizione di Foodies in Rome, un’occasione che ha visto riunite quasi 40 persone che avevano voglia di mangiare, parlare di cibo e blog, colonne, feed, foto e obiettivi. Alla Stazione Termini ci siamo riconosciuti sventolando un mestolo di legno con fiocco rosa, apprezzato da molti ma ahimè i maschietti hanno un po’ storto il naso!

Le facce delle persone che ci guardavano con sguardi interrogativi erano meravigliose, l’invasione della carrozza della metro ha lasciato più di un turista a bocca aperta, anche perché avevamo un megafono umano, Manuel di Labna, che ci dirigeva e ci teneva uniti, evitando di perdere qualcuno per strada!

Ritrovo sulla carrozza 7 dell’Eurostar AV Milano – Roma: Manuel, Chiara, Juls – c’est moi – e Sara, emozionati fin da subito!

I nostri segni di riconoscimento: mestoli dal fiocco rosa ed etichette con nome e blog… e vabeh, mica tutti sono fisiognomici, eh?! provate ad associare in poche ore nomi, nick name, blog e facce incontrare per la prima volta dal vivo, poi capirete l’utilità delle etichette! Faceva un po’ alcolisti anonimi, ma è stato utilissimo!

Foto – foto – foto! per la prima volta in un tour gastronomico – prima di lanciarci sulle prelibatezze di Piazzarium -, eravamo tutti intenti a fare foto, e guai a chi rubava un pezzo di pizza prima di aver permesso a tutti gli altri di immortalare l’attimo! E partiamo con le specialità che Bonci ha preparato per noi, servendocele simpaticamente in un tavolino attrezzato poco fuori il locale, accanto a dei ponteggi molto pittoreschi!

Focaccia ripiena di mortadella e puntarelle.

Pizza al pomodoro e origano fresco.

Focaccia con crema di ceci al limone, coppa e sedano condito con tanto pepe.. da urlo!!

Supplì di riso e pizza con guanciale, cipolla e pomodoro (si contende lo scettro con la focaccia con mortadella e puntarelle, difficile scegliere la mia preferita!).

Supplì di pasta al forno.. sì, pasta al forno, proprio le lasagne impastellate e fritte!

Lo shopping da CASTRONI… bastano queste foto a dare una minima idea di quanto abbiamo comprato? è stata come una calata degli Unni su Roma e dentro Castroni, si vedevano ovunque occhi luminosi e pieni di gioia e curiosità, mani veloci a prendere dagli scaffali di tutto, dal the al melograno al kummel (mica ho ancora capito cosa sia e dove lo possa usare), al macis (idem come sopra), al cacao olandese, ai risi, ai cereali, alla frutta essiccata a.. non so, dite qualsiasi cosa, e c’era!

Lo shopping da Castroni ci ha stancate, ma non sfinite, e la forza è rinata quando siamo entrate da Peroni dove mi sono trovata d’incanto nel Paese delle Meraviglie! Anche lì il mio conto in banca ha subito un colpo al fianco!

E poi ci siamo avviati verso la Stazione Termini, dove ognuno ha ripreso la via di casa. Io son tornata qui a casetta con la testa piena di sogni e il cuore gonfio di orgoglio per aver finalmente trovato al mia dimensione perfetta!

Altri racconti della giornata li trovate da CorradoT, Giulia Rossa di Sera, Giulia di Amaradolcezza, Claudia di Verdecardamomo, Eva di Lievitoespine, Alessia di Mammachecucina, Tania di Abagnomaria, Rossella di Machetiseimangiato, Sara di Fiordifrolla, Elisa di Kitty’s Kitchen, Caro di Semplicemente Pepe Rosa, Fra di C’era una volta ma adesso non c’è più, Giada di Fiordilatte – Appunti di cucina, Chiara di Cavoliamerenda, Maria Laura e Chiara del blog Voiello, Manuel e Jasmine di Labna, in aggiornamento

Sharing is caring:
This Post Has 26 Comments
  1. che meraviglia…se ripenso ai bei momenti mi sale un pò di nostalgia… quando riorganiziamo????
    un abbraccione grande grande e forte forte
    Giulia

  2. che meraviglia! purtroppo stavolta non sono riuscita a partecipare, ma leggendo il tuo racconto, mi sentivo in mezzo a voi!dev’essere stata una giornata speciale e bellissima!

  3. Giù, è stato bellissimo conoscerti! E non parliamo di tutta la giornata piena di bloggers, cibo, spese, foto e chiacchiere!
    Sei stata grande ad organizzare il tutto!
    UN bacione enorme!

  4. Che bel reportage juls, complimenti!
    Già ieri sera guardando le foto sulla rete sentivo un po’ di malinconia serpeggiante nell’animo. Però la complicità, la comprensione, la disponibilità e la voglia di divertirsi e la condivisione di un amore comune… ecco son queste le cose che ricordo di piu’.
    Posso solo dirvi che i vostri blog sono fantastici, ma voi di persona siete decisamente meglio!

    Un abbraccio
    Barbara M.

  5. Giulia bellissimo il tuo post, mi hai fatto commuovere! Mi ha fatto molto piacere conoscerti, grazie veramente di tutto, dell’organizzazione perfetta, del sostegno nel mio piccolo momento del bisogno e delle piacevolissime chiacchiere che abbiamo fatto.
    Un abbraccio,

    Sara

  6. Complimenti Giulia, organizzazione perfetta !
    Mi dispiace molto non essere stato dei vostri ma… la prossima volta è già vicina, vero ? 😀

  7. Cara Juls, è proprio come dici tu, insieme si sogna meglio =)
    Sono stata felice di conoscerti, se ancora “più” di come ti immaginavo!
    Bello il tuo post, frizzante e sobrio… ma quella foto nun se poteva evità? =)

    A proposito uno: il kummel è un cumino più forte, io lo uso nelle zuppe di verza e wurstel (già, la dovrei postare prima o poi) o nei falafel, è quello che mitteleuropei e turchi usano al posto del cumino.

    A proposito due riguardo ai resoconti: Sono l’ultima? =) sì, mi sa che sono l’ultima, però il racconto l’ho scritto anch’io, mi scusate per il ritardo? oggi avevo lezione… Ora piano piano passo da tutti a leggere e commentare!

    Un abbraccione e grazie per la bella giornata!

  8. Molto delicato ed allegro il tuo racconto, dai voglia a tutti di buttarsi ed incontrare la “realtà”, concentrare le passioni.
    E poi che organizzazione: 40 persone con i fiocchi ;-))
    Buona serata

  9. Spero di poterci essere la prossima volta! Dev’essere stato molto bello leggendo i vostri racconti e vedendo le vostre foto!Bell’iniziativa 🙂

  10. Juls, grazie, foodiesinrome è stata una giornata bellissima, che spero replicheremo prestissimo, e molto del successo è merito tuo: sei stata grande!
    Io sono super felice di averti conosciuta e non vedo l’ora di avere la tua conferma per Londra: anche lì ci divertiremo un sacco, sono sicura!
    A presto 🙂
    Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca