skip to Main Content

Biscotti all’olio di oliva

Avere un blog, cosa significa? Significa avere l’occasione e l’opportunità di incontrare persone speciali con le quale passare una bellissima giornata sentendosi quindicenni in gita scolastica. Eravamo in tre, come i tre moschettieri, come le Tre grazie… o meglio, vedendo quello che siamo state capace di mangiare, comprare, progettare… direi più come i tre porcellini!

Dopo una giornata passata con Caro, di Semplicemente Pepe Rosa, la ragazza in technicolor, e Fra, una foodblogger-to-be, che prima o poi si deciderà ad aprire il suo blog, sono tornata a casa con un fagottino di preziosi ingredienti! Pepe lungo – tanto sentito nominare ma annusato per la prima volta, essenza di vaniglia vera e profumatissima, gomma dragante, frutta candita…

Da qui, e dall’improvvisa mancanza di burro nel momento in cui mi ero messa in testa di preparare dei biscotti per un’amica, è nato il mio primo tentativo di approccio alla frolla all’olio di oliva. That’s amore! Colpo di fulmine! Pare che il burro possa essere sostituito con una quantità di olio extravergine di oliva pari ai suoi 2/3. Molto probabimente è una semplificazione eccessiva, ma con questi biscotti la proporzione ha funizonato alla grande!

Solitamente sono un’accanita sostenitrice del burro nei dolci – quando ce vo’ ce vo’ – ma in questo caso il risultato è stato davvero al di là delle aspettative, dando vita a dei biscotti che erano molto diversi dagli originali frollini, con un loro carattere ben definito e  molto molto particolare. Ho usato anche la frutta candita e il pepe lungo. Per la gomma dragante ci sarà una prossima occasione!

L’unica accortezza è quella di usare un olio extravergine di oliva adatto, un fruttato leggero: si possono preferire quindi – solitamente – oli leggeri come quelli liguri e lombardi, o comunque oli in cui non siano predominanti le caratteristiche di amaro o piccante.  Nel mio caso era un olio extravergine DOP Laghi Lombardi.


Ingredienti:

  • farina 00 biologica, 350 gr
  • zucchero, 150 gr
  • olio extravergine di oliva fruttato leggero, 100 gr
  • uovo, 1 leggermente sbattutto
  • sale alla vaniglia, 1 pizzico
  • lievito in polvere, 1 cucchiaio
  • frutti rossi canditi (fragole soprattutto, poi cranberries e ciliegie) circa 150 gr
  • essenza di vaniglia, 1 cucchiaio
  • pepe lungo grattato, mezza bacca

Preriscalda il forno a 180°C, statico. Setaccia farina e lievito in una ciotola capiente. Unisci lo zucchero, il sale, i frutti rossi, l’essenza di vaniglia e gratta con una piccola grattugia come quella da noce moscata la bacca di pepe lungo. Usane circa metà. A questo momento verso l’olio e mescola con un cucchiaio, poi aiutati con le mani e forma un cilindro con la pasta. Sarà molto friabile e morbidina. A questo punto l’olio si sente molto, ma dopo la cottura non sarà così predominante come sapore ed odore.

Infarina abbondantemente una superficie di lavoro ampia e stendi con l’aiuto di un mattarello la pasta fino ad uno spessore di circa 5 mm, ma non meno. Ricava delle formine con i tagliabiscotti che preferisci e con l’aiuto di una spatola mettile in ua teglia foderata con carta da forno. Cuoci in forno caldo per circa 15 minuti, finché i bordi dei biscotti non sono leggermente dorati. Togli dal forno e lascia raffreddare su una gratella.

A proposito di formine dei biscotti, ne ho fatte di grandi (le farfalle), che sono perfette per una merenda veloce, e di piccoline e graziose (coniglietti, tartaruge e micini) che non sfigurano al the delle cinque. Dai ritagli di pasta avanzata ho invece ricavato dele losanghe irregolari – non avevo più voglia di reimpastare/stendere/tagliare – che alla fine, a ben considerare, sembravano davvero le forme più adatte per questo tipo di biscotto all’olio, semplice e raffinato nel suo sapore.

Prova assaggio. Penso di poter tranquillamente affermare che sono i migliori biscotti che io abbia mai fatto: mi son proprio piaciuti, sì! Friabili, leggeri, con l’aroma resinoso del pepe lungo che si sposa meravigliosamente con i frutti rossi e la dolcezza della vaniglia. Si conserverebbero bene in un contenitore a chiusura ermetica per diversi giorni, il problema è che uno tira l’altro, quindi finiscono prima del previsto!

– Update – La ricetta va dritta dritta a partecipare alla raccolta di Stefania “Dolci senza… latte”, in collaborazione con Cibo Amico, un’associazione di genitori di bambini allergici seguiti presso il Reparto di Allergologia dell’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze. Cibo Amico vuol far conoscere il problema dell’allergia alimentare e le possibili terapie, aumentare i diritti delle persone allergiche ed offrire il sostegno di un gruppo di auto-aiuto tra famiglie con scambio di esperienze, suggerimenti, ricette…

Sharing is caring:
This Post Has 43 Comments
  1. Sembrano davvero buoni oltre che belli! Io uso spesso l’olio nei dolci, mi piace molto ed ho trovato dopo varie prove un’ottimo olio ligure… Ma cos’è la gomma dragante??

  2. Le tre grazie… Dunque: Grazia, Graziella e la terza chi la fa??? 😉
    Scherzi a parte, anch’io sono stata meravigliosamente bene e non vedo davvero l’ora di ripetere un pomeriggio del genere.
    Non ho mai provato la frolla all’olio d’oliva, ma sono sicura che mi piacerebbe molto. Sicuramente la proverò con i tuoi gustosi biscotti, dato che me li hai serviti su un piatto d’argento…
    Ah, io ho in mente un bel sorbetto con quei 3 famosi ingredienti. Vedrò cosa riesco a combinare… 🙂
    Un bacio grande e buona giornata!

  3. Ciao! proprio bellissime le forme per questi biscottini! poi noi siamo delle sostenitrici dell’olio nei dolci…e davvero invitanti così friabioli e colorati! te ne rubiamo qualcuno 😉
    un bacione

  4. Belli leggeri e senza troppo zucchero, quessti li mangerei anch’io. Magari ce ne puoi far trovare un po’ il 9/5 quando ti invaderemo il giardino per la fettuntata campestre? O forse un bel tiramisu NON dolce? Io intanto chiedo, si sa mai….

  5. complimentissimi per questo blog! è tutto bellissimo (esagero vlutamente con i superlativi 🙂 : foto, testi, ricette. mi son cimentata con la frittata con le briciole (lo so, facile per chiunque ma difficile per me apprendista cuoca) e stavo cercando da tempo una ricetta della frolla all’olio d’oliva (ne avevo trovata incomprensibile su sale e pepe): questa mi sembra buonissima e non troppo difficile! è solo dall’inizio dell’anno che seguo il tuo blog e mi dispiace davvero essermi persa la cena di capodanno da angelo, spero che si ripresenti presto un’occasione. nel frattempo tanti tanti complimenti, sei bravissima! laura

  6. @ Sandra: Buon weekend anche a te Sandrina! Ti spedisco un coniglietto! 😛
    @ Gloria: è un addensante naturale e vegetale, non vedo l’ora di provarlo!
    @ Caro: meglio non dirlo! e poi, più che su un piatto d’argento, su un meraviglioso tovagliolino di carta a pois! 😛 la prossima volta alla Rinascente andiamo con il camion! eh eh eh
    @ Manue e Silvia: ma certo! accomodatevi!
    @ CorradoT: ogni volta che riesco ad azzeccare una ricetta che ti piace – soprattutto se dolce – son proprio contenta! 😛 eh eh eh comincia a fare l’elenco!
    @ Nina: Grande Nina! Fammi sapere!

  7. Hey hey hey!! Non facciamo scherzi, eh…io la terza Grazia non la voglio fare – mi sento più in sintonia con il terzo porcellino!!! 😀 Però “food-blogger-to-be” mi piace un sacco, grande Juls! Anch’io concordo con Carolina, dobbiamo replicare assolutamente, e al più presto (quindi Caro appena scendi dai monti facci un trillo, che nel frattempo io e Juls ci si organizzerà da sole – devi accompagnarmi a comprare una macchina fotografica degna di questo nome!)
    E poi, cosa dire di questi biscotti?!? Intanto, che mi attirano un sacco (ma va’?) sono fantastici, voglio proprio provarli per vedere che cosa viene fuori! E poi è l’occasione per usare il mitico pepe lungo e far fuori la scorta di frutta secca del fruttivendolo-più-fornito-di-Firenze. Beeeellooo!! 🙂

  8. @ Laura: ma grazie!!! per fidarti delle ricette e per essere presente, anche se silente! 😛 Ora prova questa frolla allora, per qualsiasi domanda, consiglio, info o richiesta, son qui o su FB! Poi ovviamente ci sarà modo anche di vedersi dal vivo!
    @ Fra: guarda che foodblogger-to-be lo devi esser ancora per poco, oK?? una volta presa la macchina non hai più scuse! anche se io forse non sono indicatissima per consigliarti una macchina, andiamo a cercare e leggiamo un po’ di commenti e giudizi! Questa volta la ricetta l’ho scritta precisa precisa – non ci sono scuse!! 😛

  9. Ehi, Jusl, che carini questi biscotti! Io faccio spesso i biscotti all’olio perchè a casa mia sono tutti nemici del burro, ma i tuoi oltre che probabilmente molto buoni sono bellissimi 🙂
    Un abbracco

  10. Che idea! Anche mia madre usa l’olio per alcuni biscotti, mi ha da poco spedito una ricetta per i cantucci.
    Ho anche visto su Bon Appetite una ricetta di torta all’olio d’oliva, è da mesi nella lista delle cose da cucinare.

  11. che belli e che buoni! sostituisco anche io l’olio in torte e biscotti e a me il risultato piace molto anche se mi piace in egual misura il burro 🙂

  12. @ Jasmine: bravi, salutisti!! un abbraccio!
    @ Alem: addirittura!! sorriso a 48 denti! 😀 gli stampini un po’ sono Decora – quelli colorati – e un po’ li ho comprati a Roma da Peroni! 😉
    @ Rossella: anche Dario Cecchini fa una torta all’olio da urlo! Bisognerebbe provare!
    @ GuyaB: grazie!
    @ Elga: anche io! è così piccina, che ne mangeresti a quintali! 😉
    @ Ely: idem per me!

  13. Ciao,
    guarda il caso, proprio oggi ho lanciato una raccolta per i dolci senza…latte, la raccolta è in collaborazione con Cibo Amico per offrire ai bambini allergici delle golosità compatibili con la loro allergia…e questi biscotti andrebbero benissimo! Hai voglia di partecipare?
    Ti aspetto.
    Ciao
    Stefania

  14. Sono certa che amerai il pepe lungo.Io l’ho tenuto a lungo nella confezione, ignorandolo. Poi un giorno l’ho provato e me ne sono innamorata. Lo uso spessissimo.
    I tuoi biscotti mettono allegria.

  15. Belli e deliziosi…anche con l’olio!!! bravissima!!!
    Vero tutto quello che hai detto sugli incontri virtuali o meno tra bloggers! 🙂

  16. @ Onde: grazie, eh eh eh! il pepe lungo l’ho trovato da Bizzarri (http://www.bizzarri-fi.biz/) mi ci ha portata la Caro, favoloso, merita una gita! 😀
    @ Alex: E’ vero, mettono allegria, soprattutto a mangiarli!
    @ Terry: infatti, sono incontri che ti arricchiscono! L’unica cosa che non si arricchisce è il portafogli, anzi.. perché insieme siamo un’associazione a delinquere!
    @ Paolo: infatti, anche io ero scettica, ma siamo già alla terza infornata!!

  17. Buondì, questi gustosi biscotti sono stati ispirazione per una buona domenica mattina. Grazie per la cura della ricetta. L’ho riproposta con qualche variante (es. aggiunta zenzero fresco, uvetta e cannella al posto dei frutti rossi), e il risultato sembra niente male. Per lo meno dai primi assaggi in casa…Grazie! Rf

  18. Ciao Robertita! son proprio contenta che ti siano piaciuti e che siano venuti bene! e buonissima idea quella di aggiungere lo zenzero fresco, aiuta a smorzare al presenza dell’olio! buona domenica!

  19. Giulia, tu consigli un olio fruttato e leggero, ma io non so regolarmi nella scelta anche perché a casa mia si usano solo quello evo o quello di semi, che non penso vadano bene.. Hai qualche marca da consigliarmi? Per una variante posso sostituire parte della farina con della farina di nocciole? Grazie..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca