Petto di tacchino ripieno
4.8 da 5 voti

Petto di tacchino ripieno

Oggi ti racconto proprio questa ricetta di mamma, per preparare un petto di tacchino ripieno per un pranzo della domenica, per Pasqua, ma anche per un qualsiasi mercoledì sera, così da avere anche gli avanzi per il giorno successivo.
Portata Secondo
Cucina Toscana
Keyword arrosto, petto, ripieno, tacchino
Preparazione 15 minuti
Cottura 40 minuti
Tempo di risposo 1 ora
Tempo totale 55 minuti

Ingredienti

  • 1,2 kg di petto di tacchino, aperta a libro
  • 100 g di prosciutto cotto
  • 100 g di fontina, affettata sottilmente
  • 2 uova
  • Sale
  • Pepe
  • Qualche rametto di rosmarino fresco
  • Olio extra vergine di oliva
  • 1 bicchiere di vino bianco

Istruzioni

  • Se non vi sentite in grado di aprire il petto di tacchino a libro, chiedete al vostro macellaio di farlo per voi.
  • Sbattete le uova e conditele con un pizzico di sale e di pepe. Versatele in una padellina calda con un cucchiaio di olio e preparate una frittata. Una volta cotta, fatela scivolare su un piatto e fatela raffreddare.
  • Stendete il tacchino su un tagliere, apritelo e conditelo con sale e pepe. Sistemateci sopra il prosciutto cotto e la fontina, facendo in modo che rimanga qualche centrimetro tutto attorno al tacchino.
  • Per ultimo sistemateci la frittata: nel caso in cui fosse troppo larga, rifilatela e aggiungete i pezzetti avanzati nel ripieno.
  • Avvolgete il tacchino su se stesso, a partire dal lato più corto, premendo bene man mano che lo arrotolate, facendo attenzione a che il ripieno rimanga ben sigillato all’interno.
  • Adesso fermate il rotolo di petto di tacchino con lo spago da macellaio: tagliate tanti pezzetti di spago lunghi a sufficienza da poter comodamente avvolgere il petto sul lato corto. Stringete bene i nodi, legando il tacchino ogni 2 cm, così da formare un cilindro ben compatto. Se necessario passate uno o due pezzi di spago anche per il senso della lunghezza, sistemando il petto di tacchino anche alle estremità, quasi come se doveste rimboccare delle coperte. Sistemate qualche rametto di rosmarino sotto allo spago, servirà per dare un buon aroma alla carne mentre cuoce. Condite il petto di tacchino con sale e pepe, e massaggiatelo per far penetrare i condimenti.
  • Versate l’olio d’oliva in una pentola abbastanza capiente da poter contenere il tacchino. Siate generosi, in base alla dimensione della pentola potrebbero servire diversi cucchiai di olio.
  • Scaldate l’olio a fuoco medio.
  • Quando l’olio è caldo, adagiateci il tacchino. Fatelo rosolate a fuoco medio nell’olio caldo finché non diventerà ben dorato, poi giratelo con due mestoli di legno, in modo da dorarlo su tutti e quattro i lati. Serviranno una decina di minuti.
  • Quando il petto di tacchino sarà dorato su ogni lato, versateci sopra un bicchiere di vino bianco. Fatelo sfumare per pochi secondi, poi coprite immediatamente la pentola con un coperchio. L’umidità del vino vi aiuterà a cuocere il tacchino.
  • Spostate la pentola a fuoco molto basso e fate cuocere il petto di tacchino per circa 25-30 minuti, controllando verso la fine che non sia troppo asciutto. Se avete messo la pentola al minimo non dovrebbero però esserci problemi.
  • Una volta passato questo tempo spegnete il fuoco e fate riposare il tacchino nella pentola per almeno un’ora. Questo farà sì che il tacchino finisca di cuocere con il calore residuo della pentola, senza però diventare troppo asciutto. Non saltate questa parte, altrimenti il tacchino non sarà cotto a dovere.
  • Adesso potete scegliere se servire subito il tacchino o attendere fino a che non sarà completamente freddo. Se preferite fette sottili e ben compatte, attendete fino al giorno successivo, mettendo nel frattempo il tacchino in frigorifero.
  • Una volta che il tacchino è freddo, sarà molto più facile affettarlo. Per scaldarlo meglio non scaldate il tacchino stesso, che altrimenti diventerebbe troppo asciutto.
  • Scaldate un piatto da portata e sistemateci sopra il tacchino affettato, poi scaldate il fondo di cottura e versatelo sopra il tacchino. Questo basterà per scaldarlo.
Hai provato questa ricetta?Ci piace vedere tutte le tue creazioni su Instagram, Facebook & Twitter! Scatta una foto e condividila taggando @julskitchen e usando l’hashtag #myseasonaltable!