Menu

Fettunta Party 2015 | Recap

Quando organizzi una festa in giardino la preoccupazione principale è il tempo: speri sempre che quelle nuvole previste dal meteo siano in qualche modo spostate da una provvidenziale raffica di vento, che il sole torni a splendere. Perché sai quello che la tua casa e la tua campagna possono regalare nei primi giorni di primavera, quando il verde dei campi in lontananza diventa elettrico, le siepi prendono vita e i fiori sbocciano in ogni angolo, in ogni vaso di terracotta.

fettunta party

Abbiamo controllato il meteo ogni giorno, pregando per un cambiamento delle condizioni, e nonostante qualche nuvola minacciosa al mattino siamo stati graziati con un pomeriggio luminoso, qualche refolo di vento e un’aria mite e primaverile.

In tutto questo mi ero dimenticata di sperare di star bene io, ma ho affrontato egregiamente la festa con una voce di due toni più bassi, una tosse che faceva dire a tutti “copriti, curati, non prendere freddo” e un raffreddore che ogni tanto mi faceva boccheggiare come un pesce in un acquario. Ma siamo arrivati in fondo alla giornata e un tè verde al gelsomino ben caldo ha rimesso in sesto la mia salute traballante.

La mattina ci siamo svegliati e dopo aver controllato che fuori non piovesse e aver preso un tè bollente pieno di miele, io e Tommaso ci siamo guardati e ci siamo detti: ora comincia il bello.

fettunta partyfettunta partyfettunta partyfettunta party

Partirei proprio dai ringraziamenti perché da qui si capisce qual è la vera natura del Fettunta Party, una festa che si è organizzata da sola, con semplicità, grazie alla vostra generosità.

Ma il grazie più grande va alla mia famiglia, abituata ormai da anni ad aprire casa e cuore anche a chi non conoscono, e a farlo con una spirito allegro, semplice e genuino. Tutto il bello che avete visto, l’ordine, la pulizia, i tavoli e le sedie disposte ad arte, il forno a legna accesso e il barbecue per la fettunta sono merito loro. Una menzione speciale a babbo, che è passato dalla pala del forno alle pinze del barbecue, rendendo possibile la realizzazione del cuore della festa.

fettunta party

Poi un grazie a Tommaso, che ha passato il pomeriggio dietro la macchina fotografica per realizzare non solo tutte le foto che vedete qui, ma anche il video, il ricordo più bello della giornata. Menzione speciale anche per lui, perché alla fine della festa, mentre io vagavo per il giardino senza meta tra un colpo di tosse e l’altro, ha messo tutto a posto, distribuendo doggie bag a tutti.

fettunta party

(la meravigliosa crostata di Annalisa)

E poi grazie a tutti voi partecipanti, per la generosità con cui avete portato torte dolci e salate, cheesecake, muffin, forme intere di formaggio e salami, marmellate fatte in casa, insalate, biscotti, crostate, cioccolato e pane fatto in casa, focacce ai pomodorini e pane carasau, brownies e cupcakes, addirittura un banchino per le centrifughe di frutta e verdura (grazie Lorenzo!). Eravamo circa settanta, ma avremmo potuto tranquillamente sfamare centocinquanta persone.

Ecco perché mi piace organizzare il fettunta party: io metto il giardino, voi pensate a tutto il resto.

fettunta party

Grazie a Pruneti, che ha offerto una selezione del suo olio migliore. Sono stata proprio alcuni giorni fa in visita al loro frantoio, poi vi racconterò nel dettaglio cosa rende così speciale il loro olio. Ma credo che bastassero le facce felici di chi addentava una fetta di pane caldo o le pizze e i ciaccini appena sfornati, generosamente bagnati con un giro d’olio buono.

Vi lascio infine con il video, che prova a riassumere l’allegria, la gente e le tavolate di cosa buone del fettunta party!

Per tutti i partecipanti, raccontatemi sotto nei commenti cosa avete portato, così riuscirò a ringraziarvi meglio e magari riesco anche ad inserire i link a quello che avete preparato, se avete per caso la ricetta sul blog. Per tutti gli altri, ci vediamo al prossimo Fettunta party!

fettunta party

Link Love (in progress)

  • Qui trovate qualche informazione in più sul fettunta party, che risale ai tempi in cui gli eventi per blogger non esistevano ancora, eravamo noi a crearceli. Il mio giardino fino ad ora ha visto quattro Fettunta Party, che hanno portato una cinquantina di persone diverse qui nel mio paesino nella campagna senese: blogger da Milano, Ferrara, dall’Umbria e da Roma, amici imbucati alla festa perché tanto avevano sentito parlare del Fettunta Party, semplici appassionati curiosi. Erano una festa. Continueremo a farli, non vi preoccupate!
  • Qui sulla pagina Facebook di Juls’ Kitchen trovate tutte le foto del fettunta party: taggatevi, condividete, commentate, e seguitemi se ancora non lo fate!
Sharing is caring:

This Post Has 13 Comments

  1. Che bello!! Bellissimo, la prossima volta spero proprio di poter partecipare ma questa volta ero assente giustificata (e terrorizzata)!! A presto!
    Enrica

  2. Giulia bella!!
    Ma siamo noi a ringraziare te e la tua famiglia, piccola Noa compresa, che ci ha accolto con allegria e tanta ospitalità! Siete tutti fantastici e il tuo nido è da sana invidia!!

    N.B. Il pane con le noci e il cake all’arancia con glassa al cardamomo mi toccherà rifarli, chè non sono ancora da me..ma la focaccia ai pomodorini era questa qui!!

  3. ..posso testimoniare.. la grande accoglienza .. per me è stato proprio come andare alla festa di un’amica che leggo da tanto tempo.. mi sono recata con la mia farinata ceci e bietole emozionata persone non conoscevo… e così sono stata ricambiata.. con gentilezza semplicità da chi voleva aprire la sua casa e il suo cuore a tutte le persone del blog invitate.. grazie Giulia!

  4. Ciao Giulia,
    grazie per averci ospitati al Fettunta Party. Abbiamo passato un bellissimo pomeriggio in compagnia della tua famiglia e di tante altre persone simpatiche ed interessate al territorio, alla cultura , al buon cibo.
    Molto romantico Lano , la tua casa, il paesaggio , gli olivi intorno . Vorremmo tutti un posto così…
    Complimenti alle amiche che hanno contribuito al party con preparazioni di tutto rispetto ( specialmente i dolci…)
    Spero ci siano altre occasioni del genere :))
    Grazie ancora una volta.
    Teresa e Andrea

  5. Solo ora sono finalmente riuscita a vedere tutto il filmato e le foto, che bella giornata è stata e che piacere esserci!
    E che paradiso il tuo paesino!
    Grazie Juls dell’ospitalità e grazie a tutti i tuoi aiutanti.
    Miei erano i mini muffin zucchine e Roquefort e la torta ricotta e ciliege che tanto è piaciuta a Noa 🙂

  6. […] Gionni e Paolo subentrano a gestire l’azienda proprio quando il giaggiolo sta attraversando la sua crisi più grande: a metà anni ’90 viene infatti creato artificialmente l’alcool irone di sintesi, che va a sostituire il prodotto naturale. Nonostante questo decidono di continuare a coltivarlo per non perdere talee e rizomi, dedicando però più attenzione all’olio, che con loro diventerà il cuore della loro azienda e un prodotto di altissima qualità, vincitore di premi prestigiosi e, soprattutto, protagonista dell’ultimo Fettunta party! […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca