skip to Main Content

La Toscana in barattolo: il sale aromatizzato con salvia e rosmarino

I profumi di casa mia. Non sono la prima e non sarò sicuramente l’ultima a raccontare qualcosa di sé attraverso i profumi della sua vita. Non credo ci sia un momento migliore per farlo di questi primi giorni di estate, quando i profumi sono accentuati dall’aria calda e quando quasi ogni giornata si conclude con una passeggiata sulla mia strada di campo preferita, tra le siepi  odorose e le lucciole.

Senza dubbio uno dei profumi a cui sono più legata è il profumo dei tigli in fiore dei primi giorni dell’estate, quando questi alberi così familiari esplodono nel frinire delle cicale e ci regalano la loro ombra fresca. Il loro dolce profumo mi ricorda l’inizio delle vacanze estive, le partite di ping pong nel giardino di Chiara, le letture tutte di un fiato dei libri che adoravo da ragazzina, i Gialli e i Gaia Junion della Mondadori, la bicicletta appoggiata in bilico al cancello per correre a giocare con i miei amici e i capannini costruiti con teli ed ombrelli sotto al loro sguardo protettivo. Ogni anno, in questo periodo, quando sento di nuovo il profumo dei tigli, ritorno bambina e vengo presa dalla voglia di giocare, di fare progetti strampalati e correre in bicicletta nelle ultime ore del giorno per assaporare fino in fondo tutto quello che l’estate ci regala.

Accanto al profumo dei tigli, quello del gelsomino – anche adesso si insinua dal giardino attraverso la finestra aperta e sembra richiamare fuori, a vivere la notte estiva, le stelle cadenti e la brezza delicata – dell’erba tagliata, della terra bagnata sotto alle piante dei pomodori e del sale profumato di mamma.

Quando dovevo decidere cosa portare come pensierino dalla Toscana a Londra per il Food Blogger Connect ho preso in considerazione di tutto, dalla finocchiona ai cantuccini, dal vino all’olio. Ma ogni volta mi scontravo con le restrizioni di bagaglio a mano della RyanAir o con una evidente difficoltà di trasporto e conservazione. Fino a che una sera non ho sentito un odore familiare e di casa, l’odore del sale profumato di mamma, che racchiude in barattolo i sapori e i profumi della Toscana. Aglio, rosmarino e salvia. Punto. La ricetta è proprio questa, nella sua evidente semplicità: niente più che questi tre ingredienti per rappresentare la mia terra all’estero.

E’ proprio impossibile dare delle quantità: ad occhio diciamo la stessa quantità di salvia e rosmarino. Per il resto, segui il tuo gusto: che ti piaccia più o meno l’aglio, che ti piaccia più o meno pepato, che tu voglia mettere più sale o più erbette, tutto si fa seguendo l’ispirazione del momento.

Ingredienti:

  • sale fino
  • rosmarino (aka ramerino)
  • salvia
  • aglio
  • pepe nero

Lava la salvia ed asciugala bene. Lava il rosmarino ed asciugalo. Trita in un tagliere con la mezza luna foglie di salvia, aghi di rosmarino e spicchi di aglio. Quando sono ben tritati, molto fini, mescolali al sale ed al pepe nero appena macinato. Chiudi in un barattolo e conservalo in frigo.

Ogni volta che hai voglia di annusare un po’ di Toscana, basta aprire il barattolo ed usare questo sale come condimento a crudo o in cottura. Condimento essenziale della porchetta, questo sale aromatizzato è ottimo per condire una semplice carne grigliata – manzo, pollo, tacchino o maiale -, per il roast beef, per il pesce al forno o al cartoccio o anche per le patate arrosto.

Sharing is caring:
This Post Has 31 Comments
  1. Anch’io da piccola ero appassionata dei Gaia e gialli junior!!!
    Bella ricetta..ci sento proprio i profumi di casa!

  2. Mi piace da morire il tito;o di questo post. Non dico nemmeno che poi quello che e’ nel barattolo e’ favoloso. Vediamo se ricordera’ la sua terra anche al mio toscanissimo marito.
    Buona giornata 🙂

  3. Secondo me è stato molto apprezzato, o no???
    A chi non è capitato di associare odori e profumi ad un luogo caro nella memoria???
    Perfetto!

  4. Io faccio una cosa del genere con il rosmarino, per conservarlo fresco per tutto l’anno… mia nonna me l’ha insegnato giusto la scorsa estate quando ho avuto qualche giorno per stare in campagna 🙂

  5. Ah la Toscana… io l’adoro, non me ne andrei da Firenze per niente al mondo! Anche io faccio il sale aromatizzato e lo uso sopratutto quando cuocio la carne ai ferri o sulla griglia… conferisce un sapore tutto particolare e molto buono! A volte ci aggiungo pure il pepe… Sai, a me piace tantissimo il cibo saporito! Compllimenti!

  6. Bello immaginarti bambina, Giulia…e bello immaginarti nel paesaggio incantato, che circonda la tua vita!
    I profumi, i ricordi,il silenzio…e quel profumo così familiare di ramerino, salvia e aglio…hai ragione Giulia, è ciò che meglio rappresenta la nostra Toscana…
    Complimenti a mamma… se è come la salsa verde, è un successo assicurato!!
    Un bacio a tutte e due

  7. questo post juls è cosi poetico cosi pieno di emozioni sensazione…sei riuscita a trasmettermi le immagini della tua infanzia con le tue parole, che brava che sei…il sale wow profumatissimo e aromatico….lo proverò per avere anche io nei miei piatti un po della tua magica toscana!!!!baci imma

  8. Non potevi scegliere un pensiero migliore, soprattutto perchè è accompagnato da un pizzico di te.
    Un bellissimo post che mi ha catapultato ai miei ricordi, di quando iniziavano le vacanze estive e si era finalmente liberi e spensierati..

  9. Julllsss! questo tuo post mi ha fatto venire un’ideuzza per proporre la mia torta al cioccolato preferitissima…non per niente si chiama “torta profumo di toscana!”
    Sicuro non faccio in tempo a farla, ma cerco di postare la ricetta stasera!
    Besos!

  10. Quanta dolcezza e amore hai usato sia nel blog che nel barattolo per le tue radici…è stato molto bello leggerti. La prossima volta che ritornerò in Italia metterò anch’io qualche aroma della mia terra e potrò “respirarlo” ogni volta che ne sento la nostalgia…Un abbraccio

  11. Quanti profumi! Pensa che ho scoperto il profumo del tiglio proprio due giorni fa, quindi ora leggendo il tuo post l’ho sentito proprio, quel buon profumo!

  12. Mi stai dicendo che con questa cosa profumata avro’ un po’ meno nostalgia di casa?..Lo facio gia’…non so dove trovero’ quei meravigliosi recipienti, ma mi adattero’…saluti dal sud

  13. Ci credi se ti dico che il profumo lo riesco a sentire fin qui? Splendida idea regalo che avranno sicuramente appreszzato tantissimo. Sei fortunata a sentire questi profumi tutti i giorni.
    Un abbraccio

  14. Che carina questa idea!!!
    E che carino questo blog… pieno di ricettine e mangiarini direi deliziosi… ti aggiungo tra i preferiti…
    Così posso passare a vedere (e rubacchiarti) le ricette ogni volta che ne inserisci di nuove!

    ps. toscana di dove?

  15. Ciao Giulia, che bel regalo che hai portato dice molto di te!!! Se chiudo gli occhi sento il profumo del rosmarino e della salvia …lo voglio provare con tutti gli ingredienti bio del giardino del giardino dei miei dove anch’io ho bellissimi ricordi …Un abbraccio

  16. Juls non smetterei mai di leggere il tuo blog, è incantevole anche quando parla di tre erbe e un pizzico di sale.. sinceramente io il sale alle erbe lo faccio molto misto con tante erbe e fiori (avevo messo una pseudo ricettina-accozzaglia qui: http://laziaartemisia.blogspot.com/2009/11/sale-alle-erbe.html), però recentemente ce ne hanno regalato un barattolo confezionato da un agriturismo toscano (l Opificio del Bosco mi pare) e tutti ne sono andati pazzi.. immaginati che bella sensazione: curare le erbe, concimarle con l’ortica, coglierle tutte diverse e poi capire che la ricetta migliore è la piu semplice: aglio, rosmarino, sale, pepe, salvia (e ginepro, aggiungono loro)
    ora mi tocca fare proprio come ci hai detto tu… ghgh
    mi inchino! e non lo faccio spesso!
    brava Juls
    la Zia Artemisia

  17. Sono davvero commosa per il riscontro che ha avuto questo sale! ne parlavo con mamma, e lei mi diceva: ma che lo pubblichi a fare, è così scontato! e invece!!! ma che soddisfazioni che mi date!! 😀
    @Sylvia: sono di Colle Val d’Elsa (SI).
    @ Zia Artemisia: mi lusinghi davvero! 😀

  18. Volete apprezzare un Bocelli diverso dal solito? Leggerà poesie e canterà, ma in modo più intimo, il prossimo 23 luglio al Teatro di Lajatico, in un evento che coinvolgerà anche l’Orchestra del Maggio fiorentino, diretta da Paolo Carignani, con la partecipazione di Giuseppe Picone, etoile internazionale della danza. Per informazioni potete dare un’occhiata qui: http://www.fourone.it/prossimi_eventi.php?#sezione25

  19. E io che stavo pensando a cosa regalare agli amici lontani… scontato? Sì, ha ragione tua mamma, ma in fondo è proprio nelle cose più semplici che si ritrova “casa”.. no?
    Grazie per questa poesia profumata di Toscana, Giulia! Leggo spesso ma commento poco, lo so… cercherò di essere più presente, lo prometto! ;-))
    polepole del CircoloVizioso

  20. Anch’io amo molto i sali di pregio e i sali aromatizzati ad erbe, fiori e verdure.
    Però procedo diversamente: secco i componenti e preparo i singoli sali monotematici, diciamo così 😉 e poi mi diverto a fare i cocktail.
    Faccio le provviste man mano, a seconda di cosa c’è in giardino: secco e passo al mixer con il sale grosso, in genere Sale di Cervia.
    Così mi sono fatta una piccola collezione di sali che non necessitano del frigorifero per la conservazione e che posso miscelare via via: ai diversi tipi di cipolla, all’erba cipollina, al sedano, al sedano rapa, alle carote, alle diverse mente, nepete, salvie, basilico, pimpinella insomma un po’ a tutte queste erbe, fiori (la calendula non la passo nel mixer, la tagliuzzo perché mi piace che il suo colore rilevi, e così i fiordalisi)

    Un saluto dall’Alto Adige alla bella Toscana.

    http://www.flickr.com/photos/fratella/4548706517/in/set-72157606248512924/lightbox/

    claudia

    1. grazie per queste belle idee, mi sa che da ora in poi proverò anche il tuo metodo! mi piacerebbe costruire piano piano una piccola ‘cantinetta’ di sali diversi, da abbinare a seconda delle occasioni! un salutone fino all’Alto Adige!

  21. […] Sale profumato. Ogni volta che hai voglia di annusare un po’ di Toscana, basta aprire il barattolo e usare questo sale come condimento a crudo o in cottura. Condimento essenziale della porchetta, questo sale aromatizzato è ottimo per condire una semplice carne grigliata – manzo, pollo, tacchino o maiale -, per il roast beef, per il pesce al forno o al cartoccio o anche per le patate arrosto. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca