skip to Main Content

Il rotolo al cioccolato per festeggiare 4 anni con me

Quando quattro anni fa ho scritto il primo post, senza foto e senza ricette, l’ho tenuto in bozza per diversi giorni prima di premere pubblica. Raccontavo di come Tessa Kiros e i suoi libri mi avessero ispirata e con un po’ di titubanza mi affacciavo in un mondo ancora sconosciuto. Oggi Tessa ha scritto la prefazione al mio secondo libro e continua ad essere una fonte di ispirazione con la sua calma, i suoi consigli da amica e la sua passione sincera.

rotolino al cioccolato

La Juls di Juls’ Kitchen in questi ultimi quattro anni è cambiata tanto, ha preso sicurezza, ha cambiato più di un vestito, ma è rimasta la stessa che pensava che cucinare fosse la terapia più efficace per combattere il malumore – le paturnie di Audrey in Colazione da Tiffany – per dimostrare il proprio amore e la propria amicizia agli altri e per volersi bene.

Che sia la colazione da soli, il pranzo con la famiglia o la cena con gli amici, nei piatti non ci sono solo gli ingredienti che si vedono, ma ce ne sono altri, a volte non si notano, a volte si sentono e non ci si capacita di cosa renda così speciale quel piatto di pasta. È la magia. In questi quattro anni l’essere foodblogger è uscito dall’alone di mistero per essere finalmente compreso da tutti, anche se in tanti mi dicono ancora: allora tu scrivi su un blob… sì, in effetti a volte non so nemmeno che forma abbia…

Rotolino al cioccolato

E poi c’è Giulia. Anche Giulia in questi quattro anni è cambiata, direi che Giulia è stata stravolta da Juls. Juls ha preso Giulia per mano come fanno le amiche e le ha fatto vedere che è possibile realizzare i propri sogni, che quello che ti viene imposto non è per sempre, perché puoi sempre scegliere cosa è meglio per te. E se altri fanno delle scelte e te le impongono, c’è sempre il modo di volgerle a tuo favore e prenderle come nuovo punto di partenza.

Juls ha insegnato a Giulia a crederci, a osare, non solo nel lavoro e nelle passioni, anche nella vita. Ecco perché sono grata a Juls, perché io, Giulia, nonostante tutto continuo a credere alle favole e all’happy ending.

Rotolino al cioccolato

In quella sera di febbraio di quattro anni fa mi sono fatta un regalo e non avevo idea di quanto amore, amicizia, divertimento, scoperte, entusiasmo, crescita, appetito e sorrisi mi avrebbe portato. Quindi oggi più che Juls vorrei festeggiare Giulia, quella di quattro anni fa e quella di oggi, e voi tutti, che ci siete e avete reso questo possibile.

Come da tradizione, lo faccio con un dolce semplice, familiare, quello che facevamo a Claudia da piccina per farla mangiare e che ora facciamo la domenica quando vengono le nipotine, che ricambiano una fetta di dolce con un sorrisone che fa sciogliere il cuore alla zia. Noi lo chiamiamo rotolino, ma non è altro che pasta biscotto arrotolata e ripiena di crema, cioccolato, marmellata, mousse di ricotta al caffé… seguite l’istinto e avrete grandi soddisfazioni!

rotolo al cioccolato
Stampa ricetta
5 da 3 voti

Il rotolo al cioccolato

Preparazione1 h
Cottura5 min
Tempo totale1 h 5 min
Portata: Dolce
Cucina: Italiana
Porzioni: 10
Chef: Giulia

Ingredienti

Ingredienti per la pasta biscotto

  • 150 g di albumi circa 5
  • 75 g di zucchero semolato
  • 100 g di tuorli circa 6
  • 50 g di zucchero semolato
  • 100 g di farina
  • 50 g di fecola di patate
  • burro per ungere la carta da forno

Ingredienti per la bagna

  • 100 ml di acqua
  • 50 g di zucchero
  • 50 ml di alchermes

Ingredienti per il ripieno

  • 500 ml di latte intero
  • semi di 1 baccello di vaniglia
  • 2 uova
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 2 cucchiai di amido di mais
  • 200 g di cioccolato fondente tagliato a pezzettini

Istruzioni

  • Prepara la bagna all'alchermes. Bolli l'acqua con lo zucchero fino a che questo non è completamente sciolto. Aggiungi l'alchermes e lascialo raffreddare prima di usarlo.
  • Prepara la crema al cioccolato. Porta il latte ad ebollizione con i semini di vaniglia e mettilo da parte.
  • Mescola con una frusta le uova con lo zucchero e l'amido di mais, poi versa il latte a filo e amalgama il tutto. Cuoci la crema a fuoco basso mescolando con una frusta fino a che non comincia ad assodarsi.
  • Togli la crema dal fuoco e aggiungi il cioccolato fondente spezzettato, mescolando fino a che non si è completamente sciolto, poi lasciala raffreddare.
  • Prepara la pasta biscotto. Preriscalda il forno a 250°C.
  • Monta gli albumi con 75 g di zucchero a neve densa, ferma e lucida.
  • Separatamente monta i tuorli con 50 g di zucchero fino a che non diventano chiari e spumosi. Incorpora delicatamente le due masse montate.
  • Setaccia la farina con la fecola di patate e incorporala delicatamente nella massa montata, con movimenti gentili dal basso verso l'alto.
  • Fodera di carta da forno una teglia ampia e imburra la carta, in modo che poi il biscotto di stacchi facilmente.
  • Versa l'impasto nella teglia, stendendolo uniformemente in uno spessore di massimo 1 cm.
  • Cuocilo in forno caldo per circa 5 minuti, fino a che non comincia a colorarsi.
  • Mentre la pasta biscotto cuoce inumidisci un canovaccio da cucina e stendilo sul tavolo.
  • Appena la pasta biscotto è pronta toglila dal forno e capovolgila sul canovaccio inumidito.
  • Stacca delicatamente la carta da forno e avvolgi la pasta biscotto su se stessa, facendo attenzione a non romperla. Lasciala in posizione per qualche minuto.
  • Srotola la pasta biscotto e spennellala con la bagna all'alchermes.
  • Spalma uniformemente la crema al cioccolato sulla pasta biscotto e poi avvolgila di nuovo con molta attenzione su se stessa.
  • Avvolgila stretta con la pellicola per alimenti e lasciala in frigo qualche ora prima di servirla e affettarla. Prima di servirla spolverale con un po' di zucchero a velo.

… e mi emoziona leggere come festeggiai il primo blogiversary, tre anni fa. Mi faccio tenerezza a riguardare indietro, e mi ricordo con commozione il primo mobiletto tutto per me, una conquista e un successo.

L’ultima cosa che voglio dirvi è questa: attraverso il blog si può anche fare del bene, basta volerlo ed impegnarsi. Vi segnalo quindi l’iniziativa di Mattia, il BlogForCare. Sabato 16 febbraio ci sarà il primo BlogForCare Meyer, un blog trip no profit. Andremo al Mayer, l’ospedale pediatrico di Firenze, un vanto per la città e la regione, a donare il sangue. Io supererò la mia paura di aghi e punture per una buona causa. Se vi va di unirvi sul blog di Mattia trovate il form da compilare. Dai che poi facciamo colazione insieme!

Sharing is caring:
This Post Has 35 Comments
  1. Auguri Giulia!
    Per tutto: il blog, il tuo cammino individuale, la tua casa, la tua vita.
    Leggerti in questi anni è stato come camminare un passo indietro a te e partecipare silenziosamente 🙂
    Claudia


  2. Grazie ! Che bel post , mi hai commossa !! Tantissimi auguri e complimenti per il tuo bellissimo blog. Io il tasto pubblica ho avuto il coraggio di premerlo solo da poco tempo…;-)

  3. Giulia io che ti ho seguito in questi 4 anni a volte in silenzio ho assistito a questa evoluzione. Mi ricordo ancora quando ci incontrammo a Roma per Foodies in Rome nel marzo 2010 io avevo appena aperto il mio blog e mi sentivo un pesce fuor d’acqua ma quella giornata è rimasta impressa nella mia memoria e ricordo il tuo sorriso e voglia di vivere che ti ha portato fin qui e ti porterà ancora oltre. Te lo meriti. Per cui con il cuore ti auguro di raggiungere tanti nuovi traguardi. Un abbraccio Claudia

  4. Non so veramente se dire “già 4 anni” o “solo 4 anni”.
    Oramai è un’esigenza quasi quotidiana leggerti alla ricerca assieme di leggerezza e determinazione. Per me sei un sogno realizzato e che non finisce.

  5. MA io direi di festeggiare Giulia, Jul’s, il blo(b)g, la cucina che ci racconti, la piacevolezza di tornare qui ogni volta…..etc etc!

    Mentre preparo il post per il mio 5 blogcompleanno (gasp) mi fa un immenso piacere farti tantissimi auguri, quando belle persone fanno belle cose nonsi può che esserne contenti!

    Un abbraccio grande

    Elvira

  6. Ciao Giulia, tantissimi auguriiiiii per il tuo blog, quando si portano avanti i propri sogni e le proprie passioni non si può altro che fare bene, è l’unica strada verso la felicità!)

  7. Ciao Giulia! tantissimi auguri per tutti i tuoi sogni e desideri che pian piano ne sono sicura si realizzeranno tutti perchè TE sei semplicemente magica!! un abbraccio!

  8. Un post meraviglioso, ricchissimo di emozioni!! Complimenti per tutti i tuoi traguardi raggiunti e l’augurio che tutti i sogni che hai ancora nel cassetto si possano realizzare! Un bacione Fede

  9. Auguroni! Io lo chiamo rotolo e in casa mia lo facciamo sempre con la nutella che quando la spalmi vedi pian pian che si scioglie lentamente!! E poi viene così soffice!! Un bacio

  10. Ciao bella! Tanti tanti auguri per la tua vita soprattutto e poi per il blog. Sei un esempio, credimi, sei la prova che bisogna credere ai sogni, se sono davvero importanti e che si può realizzarli.
    Un bacione, Franci

  11. e la “magia” di cui parli è in grado di arrivare ben oltre il gelido schermo di un pc, si percepisce in ogni cosa che fai, dal modo garbato, delicato e intenso che hai di raccontare e di raccontarti, dalle ricette semplici e coccolose che ci regali qui. io, per esempio, non ti conosco ma mi sembra di conoscerti da sempre, come una cara amica con cui farei volentieri quattro chiacchiere al telefono, la sera dopo cena con una bella tisana bollente in una mano…
    sei proprio brava, continua così!

  12. Auguri ad un blog bellissimo e ghiottissimo 😉 !!!
    Continua così che le tue ricette sono buonissime e bellissime 🙂

  13. Wow 4 anni…che bella soddisfazione Juls, complimenti e auguri!!
    Spero di riuscire a venire alla giornata per il meyer…anche se non so se potrò donare, ultimamente sono infestata dai virus, non credo che il mio sangue possa essere utile per nessuno! Al massimo, vengo a fare colazione con voi ;-))
    ciao

  14. Auguri Giulia/Juls…menomale che hai premuto il pulsante il pulsante ‘Pubblica’ quattro anni fa!
    Sei molto brava e non lo dico per piaggeria.
    Sabina

  15. Un post dolcissimo, proprio come questa ricetta….Complimenti Giulia, 4 anni fa non sapevo neanche che esistesse questo blog, l’ho scoperto solo da pochi mesi e sono altrettanto sincera nel dirti che ti meriti davvero tutte le soddisfazioni che hai avuto in questi anni. Continua così, sei bravissima. Finalmente ho visto il tuo libro I love Toscana e non credevo ai miei occhi, semplicemente meraviglioso! E chissà, magari un giorno ti deciderai a presentarlo anche a Roma….Ancora complimenti e auguri di cuore.

  16. Sono andata a leggere il tuo primo post… quanta dolcezza. Un po’ mi sono rivista e questo mi ha dato coraggio, si può cominciare timidi timidi e poi sbocciare prepotentemente come te.
    Ecco, potrei dire che tu sei la mia Tessa, chissà se scriverai anche la prefazione del mio libro. 🙂 Naturalmente scherzo, non ho grandi ambizioni. Per ora mi piace l’idea di esserci e, soprattutto, mi piace avere un blog a cui dedicarmi.
    La regola di non usare il blog come terapia personale fa acqua da tutte le parti, per te è stato (e forse è) antidoto al malumore, per me è toccasana per qualcosa di molto più grande di cui probabilmente un giorno scriverò.
    E sai che ti dico? In barba alle regole io, tu e chissà quante altre blogger, canalizziamo energia nei nostri blog aiutando sì noi stesse ma trasmettendo agli altri un messaggio di positività, amore, vita.
    Sempre in gamba Giulia!!!

  17. Ciao,
    sei stata una recente scoperta… sono arrivata giusto in tempo per la festa! Auguri, complimenti e grazie per i tuoi racconti!
    Michi

  18. Auguri, auguri, auguri. Lo sai Giulia che io ti seguo da due anni anche se a ritroso conosco tutti i tuoi post fin dal primo… e di cose ne ho veramente imparate da te…e poi mi hai fatto compagnia, mi hai dato la gioia di vederti realmente crescere nei tuoi sogni anche quando qualcosa non andava per il verso giusto…mi hai dato la gioia di appuntare ricette che ho provato con soddisfazione.. e poi il talento è un qualcosa che ho sempre detto ti contraddistingue fuor di dubbio!!!Per me sei come Tessa per te, mi hai fatto venir la voglia di avere prima un mio diario che poi si è trasformato da poco in un piccolo blog…ma continuerò a seguirti perchè tu ci spendi tutto la tua vita in questa avventura e ti auguro di arrivare dove sogni!!! Un abbraccio grosso grosso e speriamo di rincontrarci quest’ultima estate con tuoi nuovi traguardi da festeggiare!!!!!


  19. Scusa, ma non ti avevo appena lasciato un commento di auguri per festeggiare il tuo terzo blogcompleanno? Giuro, ieri o poco più!
    Sono stordita, non mi sembra neanche possibile. E’ già passato un altro anno e tu sei sempre più bella e grande e inimitabile. Adoro leggerti sempre. Il post precedente è da incorniciare. Cosa ti auguro? Beh, che Giulia e Juls diventino una sola persona meravigliosa!
    Un abbraccio grandissimo. Pat

  20. Ho avuto ragione ad aspettare di poter leggere questo post con calma.
    Ovviamente mi ha stretto il cuore, e commosso, e come sempre entusiasmato.
    Tanti auguri Juls, brava, brava, brava, sei tu che mi hai fatto conoscere la mia Giulietta, siete speciali, ma un sacco, voi due!!! 😉

  21. …e con piacere io voglio festeggiare con voi, Giulia e Juls!
    Siete favolose entrambe!
    Un abbraccio e…rubo una fetta, grazie! 😉

  22. Giulia Cara,non dirmi che sono passati già 4 anni,hai fatto
    così tanta strada.A TE NON PARRA’ ma a me si, però la
    tenerezza, il tremito la speranza sul domani nsono indi-
    menticabili e si sentono ancòra, in altro modo,ma sono
    quello che dà al tuo blog questa boccata di freschezza e di
    appena scopertoche spero non ti abbandoni.

    E ora come ti chiamiamo:my name is Juls, juls bLOGGER!
    hAPPY BIRTHDAY jULS !

  23. Anche se in ritardo..
    Auguri Giulia!!!
    Questo mese è stato anche il mio blog compleanno… quindi comprendo le cose che hai scritto..
    Un abbraccio
    Laura

  24. ciao, ho letto ciò che hai scritto a proposito del tuo compleanno e sono d’accordo sul fatto che se uno si ascolta c’è sempre un filo conduttore nella nostra vita, per me è stato famiglia, figli e la cucina come costante, ora che i figli sono cresciuti posso dedicarmi alla cucina come risorsa.
    Le tue parole mi incoraggiano e anche so sono un pò più grande di te spero di riuscire. Grazie

I commenti sono chiusi.

Back To Top
×Close search
Cerca