skip to Main Content

L’amore ai tempi di San Valentino. La zuppa di seppie

Mai mi sarei aspettata di parlare di amore sul blog, e poi proprio nel giorno di San Valentino. Ve ne sarete accorti, racconto tutto di me, sapete dei miei obiettivi, dei miei sogni, del mio trasferimento a pochi metri da casa dei miei genitori, del micio che è arrivato ad Agosto e della cucciolona di cane che arriverà domani è arrivata ieri (questo no, ancora non ve l’avevo detto… sorpresa!). Sapete di quanto ami la Toscana, il cibo genuino, la mia famiglia, i miei amici… ma poi mi fermo, è lì che tiro la famosa linea nella sabbia, o nella farina, di cui parlavamo qualche tempo fa.

Poi Emanuela e Fabio, architetti e blogger dietro Coffee Break | the italian way of design, mi hanno chiesto di fare un guest post nel giorno di San Valentino. Ho guardato il loro blog e mi è piaciuto, elegante, moderno… poi via, tutto quel caffè mi ha convinta, e mi son detta, prendila come una sfida, vedi cosa riesci a fare. Sono andata al supermercato e ho girovagato in trance per le corsie, non riuscivo a capire cosa cucinare, mi sembrava tutto scontato o poco poetico (la prima idea della zuppa di legumi e cereali l’ho scartata subito).

Poi l’idea: avevo dell’ottimo brodo di pesce nel congelatore, messo da parte per Natale quando ero stata un po’ troppo abbondante con le porzioni, fatto con i pesciolini da zuppa del golfo di Orbetello, denso e profumatissimo. Lo custodivo per le occasioni speciali, e quindi ecco arrivato il momento di usarlo. L’amore è condivisione e generosità, una ciotola di zuppa di seppie dalla quale si può mangiare in due, con i cucchiai. È darsi all’altro senza per forza aspettare qualcosa in cambio.

L’amore richiede tempo, pazienza e passione, proprio come una zuppa di pesce. Alla fine metti in conto tre ore buone per avere una zuppa densa, in cui si sentono tutte le sfumature del mare. Ma poi quando l’assaggi ti rendi conto che valeva la pena aspettare. L’amore non è esclusività e isolamento, proprio come ti immagini una zuppa: basta moltiplicare un po’ gli ingredienti, aggiungere qualche cucchiaio ed ecco che il tavolo si allarga e si aggiungono gli amici. L’amore è quotidiano come può essere una zuppa, dà conforto, ti fa stare bene, ti stupisce ma non ti sconvolge. È nutrimento.

Ecco come sono arrivata a fare la zuppa di seppie…

Stampa questa ricetta Pin it!
0 da 0 voti

Zuppa di seppie

Chef Giulia

Ingredienti

  • 2 spicchi d'aglio
  • 1 cipolla rossa
  • 1 peperoncino
  • 1 ⁄2 bicchiere di vino bianco
  • 400 g di passata di pomodoro
  • qualche foglia di salvia
  • 650 g di seppie
  • Almeno 2 fette di pane a persona e aglio per insaporirlo
  • Per il brodo di pesce
  • 1 carota
  • 1 sedano
  • 1 cipolla rossa
  • 1 pomodorino
  • 1 ciuffetto di prezzemolo
  • 500 g pesce da zuppa, gallinella, cappone, grongo, tracine

Istruzioni

  • Per il brodo di pesce, pulisci i pesciolini da zuppa, togliendo le teste più grandi in modo che non vengano frullate.
  • Metti a bollire il pesce da zuppa in acqua leggermente salata con una carota, un sedano e una cipolla tagliati a pezzetti piccolini. Falli cuocere per circa 30 minuti, fino a che il pesce non comincia a disfarsi e a staccarsi dalle spine. Togli le lische più grandi e le parti più dure delle teste rimaste.
  • Filtra il brodo e mettilo da parte.
  • Prendi circa 1 litro del brodo ottenuto, aggiungi la polpa di pesce, le lische e le teste più morbide e frulla il tutto con un frullatore ad immersione o passandolo attraverso un passaverdura.
  • Per la zuppa, in una pentola capiente versa dell'olio extravergine d'oliva, il peperoncino e l'aglio tritato. Lascia imbiondire l'aglio, poi aggiungi le seppie tagliate a striscioline, mescola e fai cuocere coperto per circa 45 minuti, controllandolo di tanto in tanto, finché non sono tenere. Nel caso aggiungi qualche cucchiaio di acqua.
  • Aggiungi 1⁄2 bicchiere di vino bianco e 400 g di passata di pomodoro fresco e 4 ramaioli di brodo di pesce.
  • Lascia cuocere a fuoco basso per circa 1 ora e verso al fine regola di sale. Non farlo subito perché poi tenderà a concentrarsi e alla fine potrebbe risultare troppo salato.
  • Tosta il pane e sfregalo con uno spicchio d'aglio, adagialo in fondo ad ogni piatto e versa qualche ramaiolo di brodo e seppie sul pane.
  • A me piace molto densa, ma puoi regolarti con la cottura se la preferisci più brodosa.
Hai provato questa ricetta?Ci piace vedere tutte le tue creazioni su Instagram, Facebook & Twitter! Scatta una foto e condividila taggando @julskitchen e usando l’hashtag #myseasonaltable!

 

Sharing is caring:
This Post Has 10 Comments
  1. Mai è poi mai avrei creduto di commuovermi per un post sull’amore il giorno di S.Valentino, io così impettita su certi temi, e invece eccomi qui con gli occhi lucidi…secondo me è la zuppa:mai vista una tanto bella!
    Scherzi a parte è davvero un bel post, mi ha fatto star bene leggere le tue parole.
    Un abbraccio
    Manuela

  2. mi piace l’idea di un piatto quotidiano per San Valentino, proprio come la tua zuppa. Anche perchè sarebbe bello amare ed essere amati tutti i giorni dell’anno, no? Io stasera faccio gli gnocchi 😉

  3. …io, per idiozia abituata all’amore che intossica (l’amore merendina, l’amore 4 salti in padella, l’amore che nutre ma avvelena), ho adorato questo testo. brava!

    p.s. dunque, 45 di seppie e 1 ora dopo vino e pomodore: cuoce circa due ore?? ho capito bene?

  4. A volte siamo attratti da piatti complessi con delle presentazioni fin troppo elaborate e non ci accorgiamo quanto sono vere le tue parole e’ proprio vero che l’amore vero non e’ pretenzioso, il tuo piatto rende perfettamente l’idea di un amore sincero!

  5. Come rendere saporita la quotidianità e non solo un giorno… con semplicità e gusto.
    La seppia fatta a zuppetta non l’ho mai provata (ho sempre paura che sia un pò dura!) ma rimedierò!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca