skip to Main Content

Impressioni di settembre: i pomodori ripieni

Un piede nell’estate, con i suoi infradito e i vestiti leggeri, e un piede nell’autunno, con la zucca, le sciarpe colorate e quel cardigan di lana che tanto mi piace e che prima o poi mi comprerò. Settembre è così, ha il bello dell’estate senza i suoi eccessi afosi e il bello dell’autunno, il ritorno a scuola, i fichi, le zucche e i funghi, finalmente.

Settembre è un gennaio senza neve e senza lucine dell’albero da districare, è un mese adatto ai buoni propositi. Lo so che poi succederà come per quelli di gennaio, li perderò per strada o li dimenticherò dietro il primo angolo, ma fa sempre bene farli e scriverli, neri su bianco, servono a mettere un punto.

I buoni propositi di settembre risentono poi dell’energia che dà la prima aria fresca e frizzante, delle dormite sane da bambina che si fanno sotto al lenzuolo rimesso sul letto, dell’abbronzatura leggera che mette allegria, dei cambi di colori degli alberi e delle prime piogge che profumano di bosco l’aria. Facciamoli questi propositi, e vediamo di mantenerli.

Vista la mia attuale condizione psicofisica, alla fine di una clausura entusiasta ed autoimposta, a tratti un po’ isterica lo ammetto, per fare al meglio tutto quello che dovevo fare, questo è quello che mi auguro per questo autunno 2012, il primo autunno a casa con un lavoro che amo.

  • spero di riuscire a prendermi un giorno a settimana per me, dove per me intendo mettermi lo smalto alle unghie, leggere i libri di Cecilia Ahern o di Johanne Harris, sedermi sul divano e contemplare i massimi sistemi del mondo non facendo niente. Non ho ancora imparato a dire no e fermarmi un attimo, e nonostante i trent’anni portati bene comincio a risentirne…
  • voglio uscire. Di questo ne ho bisogno, tanto, tantissimo. Ho bisogno di vedere i miei amici, di fare vita sociale spensierata, di andare al cinema a vedere le ultime novità, di scoprire nuovi ristoranti, di conoscere qualcuno di nuovo. A buon intenditor poche parole.
  • sogno di viaggiare. Sono diversi anni che non viaggio, con uno zaino, una mappa e un elenco di cose da scoprire, per poi farmi sorprendere sul più bello da qualcosa di inaspettato. Vediamo se prima di dicembre riesco a concretizzare questo buon proposito.
  • proverò ad iscrivermi a pilates. Iscrivermi a pilates è facile, il difficile poi sarà mantenerlo questo buon proposito. Andarci con la sorella aiuterà, ne son sicura.
  • ta daan! andrò a vivere da sola. Quest’anno succederà. Novembre, novembre è il mese giusto, me lo sento… vi terrò informati.

Questi sono i propositi più importanti, poi ce ne sarebbero altri che vedo un po’ più remoti, ma così per mettervi al corrente, se mai mi ritrovassi con del tempo libero da gestire, sarebbero: imparare una nuova lingua straniera (francese, mais oui), fare un orto, diventare una panificatrice provetta, fare la pasta sfoglia in casa.

E adesso, prima che l’estate scappi del tutto e l’autunno arrivi come una folata d’aria fresca dalla porta socchiusa, ecco una ricetta che sta in bilico tra le due stagioni. I pomodori ripieni di pane al forno chiamano la stagione del sole, mentre il ripieno tiepido e pieno di erbe aromatiche già scalda, come si addice ad un contorno autunnale. Sono ottimi come contorno alla carne alla griglia, ma anche come piatto unico con un po’ di riso bianco e formaggio.

Usate il pane raffermo da frullare finemente invece del pangrattato: darà più corpo e sapore al ripieno, che non risulterà così sabbioso e asciutto.

Stampa questa ricetta Pin it!
5 da 1 voto

Pomodori ripieni

Porzioni 6
Chef Giulia

Ingredienti

  • 6 pomodori San Marzano
  • 5 o 6 fette di pane raffermo
  • 1 ciuffetto di prezzemolo fresco
  • 1 ciuffetto di basilico fresco
  • 1 ciuffetto di origano fresco o un cucchiaio di origano secco
  • 1 ciuffetto di mentuccia fresca
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe

Istruzioni

  • Preriscalda il forno a 180°C.
  • Taglia i pomodori a metà per lungo e versa tutti i semi in una ciotola.
  • Aggiungi nella ciotola il pane raffermo sbriciolato finemente – puoi anche frullarlo – e le erbe aromatiche tritate. Aggiusta di sale e pepe condisci con un filo d'olio, riempi i pomodori con il pane così condito.
  • Disponi i pomodori in una antiaderente e condiscili con generoso giro d'olio extravergine di oliva.
  • Cuoci i pomodori in forno caldo per circa 30 minuti e finisci con 5 minuti di grill. Servili caldi.
Hai provato questa ricetta?Ci piace vedere tutte le tue creazioni su Instagram, Facebook & Twitter! Scatta una foto e condividila taggando @julskitchen e usando l’hashtag #myseasonaltable!

 Link love

 Aggiornamento felino

Wolf sta bene, adesso si sente a casa. Ha fatto suo il mio studio, dorme su due cuscini e ogni tanto lo troviamo tipo quelle paperelle che si mettono sulle mensole, avete presente quelle che stanno con le zampe posteriori su e con il resto del corpo a penzoloni? ecco, lui fa uguale, è buffo e simpatico, sta iniziando a prendere confidenza con noi e a giocare. Fa le fusa come un trattorino e inzia a salire spontaneamente in collo, forse perché lo chiamo con gli ultrasuoni?

Voi che sapete, mi potete dare qualche consiglio sulla sua alimentazione? Comprare bustine e croccantini mi fa strano, eravamo abituati a cucinare noi per Kira, e anche con lui vorremmo fare uguale, o per lo meno in parte.

Buon settembre a tutti!

Sharing is caring:
This Post Has 44 Comments
  1. Ciao! Questi pomodori sono stupendi! Sono simili a quelli che faccio io. Io li taglio a fette e li immergo velocemente in un uovo sbattuto poi li passo nel pangrattato mescolato all’origano. Li cuocio in forno a 200° per 30 minuti. Sono velocissimi e deliziosi.
    Per Wolf. Quando avevo la gatta mi feci fare la dieta dalla veterinaria perché non volevo assolutamente utilizzare cibo confezionato (se non lo mangio io perché dovrei darlo a lei? Sarebbe un controsenso). La dieta che mi fece prevedeva 30 g di riso bollito mescolato a 20 g di verdure (a scelta tolte quelle a foglie) e 20 g di carne di qualsiasi tipo, tutto bollito. Questa era la dose giornaliera. Io gliela dividevo in due pasti. Era comodo perché ne facevo tanta e poi la congelavo a porzioni. La sera prima la scongelavo e… voila!

    1. Spettacolo, questa è una ricetta che mi segnerò, secondo me a casa fanno il fumo!
      Quanto alla dieta, è esattamente quello che davamo a Kira, canona, in dosi diverse ovviamente, e ha vissuto splendidamente 15 anni! 🙂
      Adesso ci stiamo regolando con Wolf, gli diamo un po’ di croccantini e un po’ di pappine fatte da noi!

  2. Bellissimo strepitoso post, anche perché l’85% dei propositi mi assomiglia!!!
    Come vorrei un autunno con un lavoro che amo, e invece ieri è stato un rientro devastante e opprimente.. 🙁 . Ma magari, col tempo.. 🙂
    E quella cosa del giorno x lo smalto e i libri è da custodire e realizzare… Anche io non ho ancora imparato a fermarmi, nemmeno x 5’…
    La ricetta è bellissima, di quelle che appartengono a due mondi, come dici tu, al primo pane che mi si ‘rafferma’ la faccio.
    Ah, e fammi un fischio se ti serve la pm, a Milano sono riuscita a mandarla… 😉

    1. Dobbiamo imparare, Rossella mia, dobbiamo imparare, così poi magari in quella ora ci chiamiamo e chiacchieriamo mentre lo smalto di asciuga, che dici?
      Adesso io continuo con la mia PM liquida, poi se avessi problemi ti dico e adotto la tua! :*

  3. Ciao Cara Giulia, adoro i pomodori ripieni come questi. E adoro settembre il mese che è il preludio della stagione con i colori e i sapori più belli dell’anno. 🙂
    Un abbraccio e a presto
    cara
    V.

  4. Che bello l’autunno….questi propositi ci stanno benissimo!
    si sente che sei felice, sono contenta per te.
    Nonostante il tempo che passa, l’autunno mi da sempre un’idea di calore e di casa, come dici tu, con la zucca l’uva e i funghi…e, tanto per citare un famoso film, con un bouquet di matite ben appuntite! chi lo riconosce?????
    Inoltre mi fa tanto inizio scuola, con pastelli, quaderni e gomme nuove…io ancora me li compro, non so resistere!
    I tuoi pomodori li faccio questa sera, voilà!
    bacio

    1. adoro adoro adoro quel film! è anche lì la capacità di meravigliarsi per le piccole cose, essere felici per piccoli particolari, vivere le stagioni e i loro mutamenti… fatti poi i pomodori?? baci


  5. Ricordati che anche Dio il 7mo giorno si è riposato. Magari lui non andava dalla manicure, ma ce lo vedo sdraiato sulla sua poltrona preferita, piedi all’aria, con un bel bicchiere di Chianti in mano (Dio è Toscano naturalmente). Quindi, prendi l’esempio e datti una regolata. In più, quando vuoi uscire, dillo. Io sono una ottima compagna di chiacchiere. E mi sembra che tu sia in debito di un incontro…o sbaglio?
    Sei troppo forte. Un abbraccione, Pat

    1. mi darò una regolata, via, promesso! da novembre mi prendo un giorno a settimana… fino a novembre, mi sa che mi toccherà pedalare! e sì, sono sempre in debito di un’uscita! un abbraccione

  6. i pomodori li proverò a breve, tra l’altro dopo che mi sono andata a rileggere le tue ricette di pomarola e conserva lo scorso fine sett mi precipitai subito a comprare pomodori x confezionare pomarola x l’inverno…mi hai acceso la fase conservina….sarà che mi è piaciuta da matti l’immagine della tua dispensa!
    quanto ai propositi è bello quanto importante darsi degli obiettivi, mi piacciono tutti i tuoi elencati sopra…ma solo una domanda, non è che se lasci casa dei tuoi dopo i tuoi fantastici piatti mancheranno di quei favolosi sfondi che sono il giardino dei tuoi e dei campi vicini?? sarà che ti immagino un tutt’uno con la tua famiglia, e che mi piace pensare che quello che sei oggi tu lo sia anche grazie a loro e alle loro tradizioni! ecco x tutti questi motivi..un pochino mi dispiace….pensa te! ;))

    1. Ciao Ilaria, ho una buonissima notizia! vado a vivere da sola, in un appartamento al di là del giardino! condividerò lo stesso panorama, lo stesso giardino, lo stesso orto, insomma, mi sposto di 5 metri e rimane tutto come prima, solo che mi sostenterò da sola, faccio la prova! quindi ecco, rimane solo ed esclusivamente il bello dell’andare a vivere da sola!

  7. Condivido il primo buon proposito (ma la vedo dura nel mio caso c’è sempre qualcosa da fare!!!) e in bocca al lupo per l’ultimo!

    Nel pesarese i pomodori cucinati cosi vengono chiamati pomodori arrosto (o gratinati come nella vicina romagna) e mia suocera è cintura nera!


  8. Finalmente un post! Mi mancavi! ;-D In bocca al lupo per i nuovi progetti e grazie per la ricettina gustosa (come sempre!).
    Per Wolf: direi che cucinare per lui o dargli una parte di ciò che si cucina per noi è un’ottima idea anche a me i croccantini non sono mai piaciuti. ciao ciao a tutte!

  9. noi in casa si son sempre chiamati pomdori gratinati ed erano uno dei piatti must di via nonna che non amando cucinare in forno li faceva arrostire in padella ed erano subilimi, sigh… ma siccome mangiava come un passerotto ne faceva 4 “pacche”, due per lei e nonno e due per me e mia madre. manco la voglia di potevi levare…
    per Wolf hai provato con il filetto di merluzzo bollito? quello che si prende congelato al super.
    i croccantini capisco possano essere problematici per te, però il cibo secco puoi lasciarlo lì senza problemi perché il gatto a differenza del cane non si ingozza – a parte la mia Violetta, ma lei è un caso raro – mangia, poi smette, poi torna. credo che in rete ci siano comunque ricette di biscottini per gatti.

    1. Marina, l’idea di fare i pomodori nel tegame anziché nel forno mi piace parecchio: a volte mi freno perché non mi va di accendere il forno solo per loro, anche se valgono assolutamente il calore che si sviluppa in cucina!
      con Wolf ho detto a mamma del merluzzo, ottima idea!

  10. Cara Giulia, bello il catalogo dei buoni propositi settembrini!Anch’io a settembre mi faccio qualche promessa e in genere resto di parola fino a novembre poi succede sempre qualcosa :-/ quest’anno vorrei tentare di resistere più a lungo, incrocio le dita!!!i tuoi pomodori mi attirano molto soprattutto come piatto unico e poi a mio avviso tutto ciò che ‘ha ripieno’ merita una sua assolutezza!

    1. come dicevo di sopra ad Antonella, diamoci una mano a vicenda a mantenerli, almeno fino a gennaio, quando faremo quelli dell’anno nuovo.. che dici?
      e W il ripieno! sempre e comunque! 😛


  11. ottimi i pomodoretti,io li faccio quando non se ne puo’ piu’ di pomodori dell’orto e li congelo pure,così porto in inverno un po’ di sapore d’estate.per Wolf:mai la nostra pappa!Fai cuocere pollo(le alette),pesce surgelato,rognone,polmone,queste cose così,con un pochino di riso lessato o pasta mooolto cotta,tagliata a pezzettini.pero’ è vero che i crocchini non vanno a male e non puzzano,i gatti mangiano quando vogliono e devono trovare le ciotoline piene

    1. che idea congelarli così!
      per Wolf, mi piacciono le opzioni che mi hai dato, un bel gattone toscano con il quinto quarto, amoroso lui! quanto ai crocchini, è del tutto innamorato lui, un po’ ogni tanto glieli diamo!

  12. Il periodo che passa tra il caldo afoso dell’estate e i primi freddi d’autunno è fantastico. Respiri forte, ti riempi i polmoni di aria e di botto ti senti piena di energie e propositi e ti rendi conto di avere la forza per fare tutto ciò che desideri. Proprio tutto.
    Buonissimi i pomodori al forno e anche la mia mamma usava il pane vecchio in questo caso, dava quella croccantezza che tanto amavamo.

  13. Ottimi propositi.
    Tifo perchè tu riesca a prenderti un giorno a settimana per me. Io ho intrapreso la stessa strada 🙂 Un giorno senza pc, passato al più a pulire casa e dedicato alle sane letture. Alla fine per me tutto si riduce a qualche ora libera, ma ti posso testimoniare che sono ore e minuti utili e gustati appieno.
    Poi, non posso che dirti brava per l’andare a vivere da sola. Che vuoi, son cresciuta a suon di Virginia Woolf e Una stanza tutta per se.
    Per il pilates io resistetti qualche mese, ma non avevo la sorellina con te 🙂
    E buoni viaggi! …ma non dimenticarti di noi lettori assidui di Juls’ Kitchen

    1. lo sai che anche passare un giorno a pulire e riordinare mi farebbe bene? vedrai che da novembre mi toccherà, per forza o per amore, se non voglio vivere in un porcile, hahaha!
      Mi sa che mi devo leggere quel libro, l’ho appena preso su Amazon, lo sai che mi spingi sempre a comprare un libro? baci

  14. Uffi, io odio questo inizio di settembre freddo e piovoso. Rivoglio il sole, le belle giornate e i Birkenstock, si sappia! 😉 E quest’anno, per di più, non sono proprio in vena di buoni propositi. Li ho esauriti tutti lo scorso anno. E se andassi contro tendenza e volessi fare la bastarda? Buahahaha =D


  15. Condivido quest’idea di buoni propositi per l’autunno…metto in cima alla lista tutto ciò che avrei voluto cucinare ed ancora non ho fatto…e mangiato…ma soprattutto quel calore che solo a casa puoi riscoprire, momento dopo momento in tutte le fasi dell’anno che si rinnovano….ho una fame che affonderei le mani nel video per questi succulenti pomodori…..un bacio Juls.

  16. Adoro questi pomodori! 🙂 ma volevo scrivere soprattutto per Wolf.. please, please, please, niente carboidrati per un micio!!! Il loro organismo non è fatto per elaborarli.. dovrebbero mangiarne il meno possibile!
    Quindi perfetti merluzzo, pollo, interiora di pollo (cuore etc..), manzo.. ma evitare riso e pasta.
    Un bacino a Wolf e un pensiero di desiderio per i tuoi pomodori!

    1. Grazie Claudia! effettivamente di carboidrati ne mangia pochissimi. Però ricordo che i gatti di mia nonna sono campati a pastasciutta al sugo per anni e anni… chissà, erano forse gatti d’altri tempi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca