skip to Main Content

La panzanella con zucchine e pinoli

La panzanella è un’istituzione delle estati toscane. La versione purista e integralista prevede esclusivamente pane toscano raffermo, pomodori maturi – magari dei costoluti fiorentini – cipolla, basilico fresco, sale, olio extravergine di oliva e aceto di vino bianco. Questa è la panzanella. Il pane deve essere raffermo e ammollato in acqua fredda, poi strizzato bene e sbriciolato con le mani. Dimenticate crostoncini di pane ben tostati come si vedono su riviste e blog stranieri: quella, se pur buona, non è una panzanella.

panzanella

Ovviamente si ammettono deroghe alla versione base, con l’aggiunta di cetriolo, olive o anche tonno in scatola. Insomma, una volta che si ha bene in mente qual è la vera panzanella, è anche divertente giocare un po’ con gli abbinamenti per rendere giustizia al principio base della cucina d’altri tempi: non si butta via niente.

Se due fette di pane raffermo possono trasformarsi in un pasto, perché non aggiungere anche quelle quattro zucchine un po’ tristi che sono state in frigo per troppo tempo, i ravanelli avanzati dall’insalata del giorno prima e una manciata di pinoli rimasti dai biscotti fatti nel weekend? Come ha giustamente detto mia nonna, toscana doc, non è la panzanella tradizionale, ma è buona! E se lo dice lei…

Panzanella con zucchine e pinoli
Stampa ricetta
0 da 0 voti

La panzanella con zucchine e pinoli

Preparazione10 min
Tempo totale10 min
Portata: Primo
Cucina: Toscana
Porzioni: 2
Chef: Giulia

Ingredienti

  • 4 zucchine piccoline
  • 1 spicchio di aglio fresco
  • 150 g di pane toscano raffermo
  • una decina di pomodori datterini ben maturi
  • 5 o 6 ravanelli
  • ½ cipolla rossa
  • Basilico fresco
  • Olio extravergine di oliva
  • Aceto di mele
  • Sale
  • 1 cucchiaio di pinoli

Istruzioni

  • Spezza il pane raffermo, mettilo in una ciotola capiente e bagnalo con l'acqua fredda. Prima si faceva con il pane cotto in forno che avanzava, aveva tutto un altro sapore e ci metteva un sacco ad inzupparsi, rispetto al pane di oggi.
  • Lava le zucchine, elimina le estremità e tagliale a cubetti di circa 1 cm di lunghezza.
  • Scalda in una padella qualche cucchiaio di olio extravergine di oliva con uno spicchio di aglio fresco schiacciato e aggiungi le zucchine a cubetti.
  • Falle cuocere a fuoco medio per circa 10 minuti, fino a che non sono dorate.
  • Toglile e mettile da parte in un piatto, poi aggiungi un cucchiaio colmo di pinoli e tostali per qualche minuto nella stessa padella.
  • Taglia la cipolla molto sottile e mettila nell’acqua fredda per toglierle il pizzicore.
  • Taglia il pomodoro a pezzi irregolari e affetta i ravanelli.
  • Strizza bene il pane e sbriciolalo con le mani, mettilo in una zuppiera capiente e condiscilo con la cipolla tolta dall’acqua, il pomodoro, i ravanelli, le zucchine, i pinoli e le foglie di basilico.
  • Sala la panzanella e condiscila con abbondante olio extravergine di oliva ed un po’ di aceto di mele.
  • Falla riposare almeno una mezzoretta in frigorifero, poi è pronta per essere mangiata.

 Panzanella con zucchine e pinoli

Sharing is caring:
This Post Has 14 Comments
  1. Da buona forchetta umbra Di panzanella potrei mangiarne a kg!!! Un pò esagerata?! Ma è davvero ottima!!!

    1. Io sono come te., la panzanella mi fa lo stesso effetto di una torta al cioccolato, non riesco a dire di no!

  2. questa non è una panzanella è un capolavoro sensoriale (di colori per gli occhi e di aromi per il palato9!

  3. Oh mamma, Giulia ma sai che mi hai appena fatto rendere conto che non ho ancora preparato – nè, soprattutto, mangiato – la prima panzanella della stagione estiva?! Che terribile mancanza la mia! Dovrò rimediare questo stesso weekend, sfruttando la tua gustosissima e coloratissima ricetta!

    un abbraccio,
    Elisa

    1. Allora come è andata, hai rimediato e l’ha i poi fatta la panzanella? Io ho cominciato da poco ma mi sto godendo a pieno la stagione!

  4. Ti adoro!!! Ero venuta per segnarmi gli ingredietni per la pappa al pomodoro e trovo un altro dei miei piatti toscani preferiti.
    E allora fine settimana toscano, in purezza, o quasi…perchè il pane toscano qui non sanno nemmeno cos’è 😀
    Bacino e sereno fine settimana

    1. Arrivò dopo una settimana ma arrivo! Cosa hai fatto? Pappa al pomodoro o panzanella? Io non saprei scegliere!

  5. Sarai alla fiera di Genova, vero? a presto allora e complimenti seguo il tuo blog sempre con immenso piacere

  6. Il costoluto fiorentino, dovrebbe essere quasi d’obbligo. Un buon pomodoro maturo e saporito è fondamentale. Serve il sapore, il colore, l’odore e la capacità di insaporire il pane.
    Oggi è difficile fare una buona panzanella con le varietà commerciali di pomodori che si trova al supermarket, pensate per durare a lungo dopo raccolte ma assolutamente “di plastica”.

    1. Claudio, hai perfettamente ragione, il costoluto fiorentino è il pomodoro per la panzanella! Magari riuscire a trovare di buoni.. Per fortuna quest’anno mia nonna ha rimesso l’orto!

I commenti sono chiusi.

Back To Top
×Close search
Cerca