skip to Main Content
Menù

La mia cena greca: Moussaka

Chi mi segue su Twitter o sulla fan page di Juls’ Kitchen su Facebook sa che questo San Valentino è stato l’occasione per fare finalmente una cena greca… vi chiederete, e che c’entra? Semplice, avete presente  Toula de Il mio Grosso Grasso Matrimonio Greco? ecco, io mi ci rivedo tanto!! La fase fagotto, l’essere stata una bambina tondina con un unico sopracciglio, un po’ diversa dalle ragazzine bionde e magrine con la merendina di pane bianco e prosciutto cotto, il diventare timida e imbranata di fronte ai rappresentanti dell’altro sesso… ma anche l’essere legatissima alla mia chiassosa e numerosa famiglia, una forza potente e arcaica che scorre nelle vene di tutti noi, un rapporto con il cibo passionale e creativo, parte delle nostre tradizioni, della nostra storia e traccia per il nostro futuro. Una frase per tutte:

Zia, Ian è vegetariano. Lui non mangia carne.
Lui non mangia carne?!
No, lui non mangia carne.
Come sarebbe a dire che non mangia carne? Oh, non fa niente: ti faccio l’agnello!

Insomma, presa dalla voglia di sdrammatizzare questo ennesimo San Valentino da single, ho messo in piedi una cena greca tra amici e il piatto forte – nonostante le melanzane siano un po’ fuori stagione, lo ammetto – è stato proprio la moussaka, ricetta tratta passo passo da Falling Cloudberries, ricette di famiglia dal mondo, di Tessa Kiros.

Ingredienti:

  • melanzane, 3 grandi
  • olio extravergine leggero, 250 ml
  • cipolla, 1 grande tritata finemente
  • prezzemolo, 2 cucchiai tritati grossolanamente
  • aglio, 2 spicchi
  • carne tritata di manzo e maiale, 850 gr
  • cannella in polvere, 1 cucchaino (io non l’ho messo perché a Claudina non piace)
  • origano secco, 1 cucchiaino
  • alloro, 2 foglie
  • vino bianco, 125 ml
  • passata di pomodoro, 500 gr
  • patate pelate, 500 gr

Ingredienti per la besciamella:

  • burro, 120 gr
  • farina, 125 gr
  • latte caldo, 1 litro
  • noce moscata, 1 pizzico

Elimina i piccioli delle melanzane, tagliale nel senso della lunghezza a fette di spessore di 5mm. Cospargile di sale grosso e lasciale nel lavandino o in una terrina con un peso sopra per 30 minuti perché rilascino tutto il liquido amaro.

Scalda 3 cucchiai di olio in una padella antiaderente. Soffriggi la cipolla, finché non è morbida e dorata. Aggiungi prezzemolo e aglio e cuoci per qualche minuto finché non senti il profumo dell’aglio, poi aggiungi la carne macinata. Cuoci a fuoco medio-alto, mescolando spesso con il cucchiaio di legno, finché la carne non ha perso il suo liquido e inizia a scurirsi. Aggiungi cannella, origano e foglie di alloro ed aggiusta di sale e pepe. Quando la carne è dorata, aggiungi il vino e raschia bene il fondo perché non si attacchi. Lascia evaporare gran parte del vino, poi aggiungi la passata di pomodoro e lascia sobbollire per circa 30 minuti, senza coperchio, rimestando di tanto in tanto. Se necessario aggiungi un po’ d’acqua.

Nel frattempo affetta le patate nel senso della lunghezza a fette di 5 mm di spessore, asciugale tamponando e friggile in una padella antiaderente a fuoco moderato finché non sono dorate da entrambi i lati. Trasferiscile su un piatto con della carta assorbente e lasciale lì per eliminare l’olio di troppo.

Ora è il momento di tornare alle melanzane: sciacquale sotto l’aqua corrente per eliminare il sale grosso, strizzale bene e tamponale. Friggile in olio caldo finché non sono dorate da entrami i lati e morbide dentro. Metti anche queste su un piatto con un po’ di carta assorbente e scolare l’olio in eccesso.

Scalda il forno a 180°C e prendi una teglia capiente. Forma uno strato di melanzane (utilizzane la metà), sovrapponendole un po’ perché siano ben compatte. Poi fai uno strato di patate, facendo attenzione questa volta a non sovrapporle. Adesso stendi metà del sugo di carne in uno strato abbondante e coprilo di nuovo con le melanzane rimaste. Stendi un nuovo strato di sugo di carne. Schiaccia bene tutti gli strati.

Adesso prepara la besciamella, sciogliendo il burro in un pentolino e aggiungendo la farina: sbattila con la frusta perché non si formino i grumi e versa a filo il latte caldo. Aggiungi sale, pepe e noce moscata e continua la cottura dopo che ha preso il bollore per 5 minuti sempre mescolando, finché non diventerà liscia e densa. Versala a cucchiaiate sullo strato di ragù fino al bordo della profila.

Cuoci la moussaka in forno per 45 minuti – 1 ora appoggiando la pirofila su un foglio di carta da forno, perché la moussaka tenderàa  asobbollire vivacemente e a fuoriuscire un po’! Lasciala raffreddare un po’ prima di servirla e tagliala in porzioni quadrate.

Il giudizio? L’ho adorata fino a partire dall’odore di aglio e prezzemolo del sugo di carne, passando dallo sfrigolare dell’olio delle melanzane e dagli strati carichi di gusto e sapori fino alla sensazione impagabile di attrversare strato dopo strato con la forchetta il mio quadretto di moussaka. Stay tuned per il desser della cena greca!

Voglio concudere con una delle frasi che preferisco…

Io ti amo
Perché? Come mai?
Perché ho incominciato a vivere quando ti ho conosciuto.

E approfitto del post – quanto mai adatto – anche per fare gli auguri alla dott.ssa Konstantina Kostourou,che ieri ha conseguito con successo il suo PhD! Congratulations Koko!!

Sharing is caring:
This Post Has 38 Comments
  1. Juls sei Promossa!!! adoro la Grecia e la considero un po’ come la mia seconda patria… e ogni volta che sento parlare di lei o vedo dei piatti tipici mi innamoro per l’ennesima volta… bacetto

  2. evviva! finalmente ho una bella ricetta per la moussaka, piatto che adoro! mi hai fatta veramente felice con questo post! tra l’altro mi hai ricordato il libro di Tessa Kiros che mi ero segnata di prendere qualche tempo fa, e poi me ne son dimenticata! ho adorato il film Il mio grosso grasso matrimonio greco…
    buonissima giornata 🙂

  3. Il film è fantastico,l’ho visto almeno 4 volte, la battuta poi dell’agnello è mitica.
    Mi ha sempre incuriosita questo piatto ma fino adesso mai provato a prepararla.
    Complimenti,
    ciao!

  4. senti toula…. macchè toula e toula!!! non sei certo un “fagotto che attraversa una fase” 🙂 sei la mitica juls, che fa dei piatti perfetti, che si mangiano con gli ogghi solo a vederne la foto e che è bellissimissima e solare!!!
    uffa, altro che toula!!!
    bacio bacio bacio e lascia perdere i san valentini!

  5. Che bella moussaka! Almeno all’apparenza sembra anche più leggera di quelle che ho assaggiato a Santorini… Sarà stato il mio stomaco che non digerisce niente, ma l’originale greca io non ce la facevo ad affrontarla! Invece la tua sembra proprio ottima! Che dire? Anche stavolta brava Juls! 🙂

  6. Con questa moussaka mi hai definitivamente conquistato!
    Non ho mai visitato la Grecia ma ho un’amica che me la prepara ed è un piatto speciale. Completo e buonissimo, con quei sapori che si mescolano nella bocca, la consistenza..perfetto!
    Ps.: un pizzico di cannella a me piace,poi sono gusti, ti consiglio di provarlo alla prossima!

  7. bellissima! la ricetta più o meno è quella che uso io, ma la tua sembra davvero una di quelle che si mangiano in grecia con lo strato di besciamella bello sodo… a me così non rimane mai… forse dovrei usare l’uovo come c’è scritto nel mio libro di ricette greche… ma non mi ispira…

  8. @ Vale: YAY! promossa! io in Grecia non ci sono mai stata, ma sono due anni che ci penso e ci ripenso, ci vorrei troppo andare!
    @ Tepperella: guarda che il libro merita davvero! io lo adoro visceralmente, come gli altri suoi, lei è assolutamente la mia preferita!
    @ Aniko: anche per me è stata la prima volta che ho affrontato la moussaka, ma credo che la riproverò presto, mi è poprio piaciuta!
    @ Babs: eh eh eh… dai però devi ammettere che quella battuta è fenomenale!! 🙂 grazie, ti abbraccio forte!
    @ Manu e Silvia: avete ragione, sostanzioso è sostanzioso, un incrocio tra una lasagna e la parmigiana.. anzi, come ha detto un mio amico, non è un incrocio, è una lasagna + una parmigiana di melanzane! 🙂

  9. @ – Clo – : ciao! mah, ecco, leggera non è l’aggettivo più adatto, ma davvero non ho avuto risentimenti nel digerirla, anche se era una parte di una cena molto più ampia!
    @ Olivia: fosse per me sì! la prossima volta ce la metto, è mia sorella che la sente a distanza di kilometri!!
    @ Genny: mitica! eh eh eh
    @ Silvia: già, tu sei l’esperta della Grecia! ho ancora la tua mail lì, pronta da essere conquistata appena riuscirò ad andare in Grecia! è venuta proprio sodina la besciamella, anche senza uovo!
    @ Alem: idem!!

  10. MI piace tantissimo quel film, ha delle battute fantastiche, come quella che hai citato! La tua moussaka sembra perfetta, per una moussaka così chiudiamo gli occhi sulle melanzane fuori stagione, come dice Genny!

  11. Il mio viaggio di nozze è stato a Mykonos e di moussaka ce ne siamo fattio scorpacciate…oh, mamma, è una cosa libidinosissima!!! Al ritorno anch’io una volta mi sono cimentata nella preparazione…però è davvero una bomba calorica!!
    Complimenti, la tua è bellissima, fa venire una voglia di mangiarla!! :))

  12. Splendidissima Moussakà. Complimenti due volte. Si e’ mantenuta bella compatta, non scivola da nessuna parte. Ammirazione…..

    Beato chi ti sposera’, avra’ una ristorazione favolosa!!! Tu gli dovrai fare un po’ da serva, ma vuoi mettere le gioie del matrimonio? Goditi la tua singletudine finche’ dura, te lo dice uno sposato da 36 anni….

  13. ciao Giulia!! ho appena finito di vedere il film le mie grosse grasse vacanze greche:) nn sai che voglia di Grecia!! ed ora il tuo meraviglioso piatto!!!!
    baci

  14. b r a v i s s i m a ! ma dove sei stata fin’ora??? NOn solo i tuoi piatti sono superbi ma le foto sono da professionista! Attendo con ansia novità!
    baci baci

  15. che meraviglia sta moussaka! devo dire che la cucina greca mi è sempre stata d’ispirazione…e con il libro della kiros poi!
    avrei partecipato alla cena ben volentieri!:)

  16. deliziosa!! l’ho mangiata tantissimi anni fà cucinata da una mia amica ad un pigiama party 🙂 mi piacerebbe riprovarla 🙂 e la tua ricetta me ne dà la possibilità, non conoscevo il tuo blog ora lo metto nella mia lista ciao 🙂 Ely

  17. Ciao Tesoro!!!
    Grazie per il pensiero e per gli auguri!!!!!
    Mmmmm…che profumo di mamma… 😀 La tua moussaka sembra meravigliosa, anche se mi piange il cuore al pensiero della cannella rimasta sola soletta senza potersi tuffare nel sugo della carne 😉
    Baci!!!

  18. La Moussaka aggiunge: ancora allegra grazie ai profumi,ai colori e alla perfetta esecuzione; con quel brividino che accompagna la”prima”,gli amici attorno,ecco,la vedo nel piatto, perfettamente tagliata.Mi viene voglia di cantare quella musichetta greca….Bene,dopo il canto si assaggia.Mi ricorda la parmigiana,ma la patata aggiunge croccantezza, mi ricorda la lasagna,ma i profumi sono piu intensi.Aggiunge,proprio buona.Grazie At salut

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top
Cerca