skip to Main Content

Filetti di gallinella alle erbe aromatiche

Domenica sono stata al mare. Nonostante sia settembre, nonostante le scuole siano già iniziate e quest’estate sia agli sgoccioli, questa era la mia prima volta al mare. Avrei voluto non lavarmi, per tenere l’odore di salsedine, di sole e spiaggia sulla mia pelle ancora un po’. L’autunno e l’inverno saranno lunghi, e volevo conservare il più possibile il ricordo di questa giornata al mare con Claudia.

Siamo andate a Castiglione della Pescaia in una minuscola spiaggia libera che difende caparbiamente i suoi pochi metri di sabbia dorata e macchia mediterranea dagli stabilimenti che la circondano. E’ la stessa spiaggia dove andavo al mare da piccina, con mamma, babbo, mia cugina e i miei zii. Claudia era troppo piccola per ricordarsela, ma anche lei lì ha fatto il suo primo bagno in mare con la ciambella e i braccioli e ha mangiato curiosa la sua prima manciata di sabbia.

Non è cambiato niente, l’odore, i rumori, la luce… tutto è rimasto uguale ai miei ricordi.

gallinella 

La strada più breve per il mare è tortuosa, piena di curve ma tutta in ombra, è la strada sulla quale da piccina ho allenato il mio stomaco a sopportare il mal d’auto concentrandomi fermamente sull’obiettivo finale. Lungo la strada all’inizio si trovano ancora cartelli scritti a mano da volenterosi baristi che promuovono panini e bibite in fondo alla strada: sono panini come si facevano una volta, con il pane tagliato al momento sul tagliere, la crosta croccante e una fetta di pecorino che fa venire l’acquolina in bocca al solo pensiero. Poi per un po’ spariscono i segni della civiltà e si incontrano solo boschi, alberi frondosi e cartelli scoloriti che portano verso eremi e chiesette.

All’improvviso, quando si comincia a scendere, spuntano piccoli centri abitati e pian piano negozietti che vivono del passaggio dei turisti pochi mesi l’anno. Proprio come nei miei ricordi di bambina, espongono ancora materassini, palloni, palette e secchielli in colori sgargianti: il mare si sente, è sempre più vicino. Poi appare, la distesa blu del Tirreno, spunta dietro una curva e gioca a nascondino per un po’ dietro le ultime colline che ci separano dalla spiaggia.

Per ricordare questa giornata in spiaggia oggi un piatto di pesce. La gallinella, secondo il calendario Slow fish, può essere consumata, nell’area del Mediterraneo, dalla primavera all’autunno. Siamo quindi pienamente dentro ai mesi giusti del calendario della pesca. Oltre a questo, nonostante sia un pesce considerato ‘povero’, è saporita e bellissima, con i suoi toni rossi rosati. Non per nulla è uno dei pesci più amati nelle nature morte dei pittori!

Stampa questa ricetta Pin it!
5 da 1 voto

Filetti di gallinella alle erbe aromatiche

Porzioni 2
Chef Giulia Scarpaleggia

Ingredienti

  • 250 g di filetti di gallinella
  • farina di farro integrale per infarinare
  • sale
  • olio extravergine di oliva

Per la salsa

  • 1 cucchiaio di capperi sott'aceto, ben strizzati
  • 1 cucchiaio di olive nere denocciolate
  • qualche foglia di basilico
  • qualche rametto di timo
  • due fili di erba cipollina
  • succo di limone
  • olio extravergine di oliva

Istruzioni

  • Infarina la gallinella con la farina di farro integrale e un pizzico di sale.
  • Versa qualche cucchiaio di olio extravergine di oliva in una padella antiaderente e cuoci i filetti di gallinella per 2 minuti per parte, finché non diventano dorati e croccanti. Mettili per pochi minuti in un piatto con qualche foglio di carta da cucina per togliere l'olio in eccesso.
  • Per la salsa, tagliuzza le erbette, le olive e i capperi con i coltello, poi mescola con l'olio extravergine di oliva e 2 cucchiai di succo di limone.
  • Servi immediatamente i filetti di gallinella conditi con la salsa alle erbette e qualche cristallo di sale Maldon.
Hai provato questa ricetta?Ci piace vedere tutte le tue creazioni su Instagram, Facebook & Twitter! Scatta una foto e condividila taggando @julskitchen e usando l’hashtag #myseasonaltable!

Navigando e pescando in rete, altre ricette per cucinare la gallinella:

Sharing is caring:
This Post Has 31 Comments
  1. Castiglione della Pescaia è meravigliosa, come i tuoi ricordi, hai fatto fare un bel tuffo anche a noi!!!
    La gallinella è un pesce che anche io cucino spesso, ma è molto sfiziosa questa tua ricetta. Baci a presto

  2. La prossima volta portami con te… almeno con il pensiero: adoro quella zona.
    La gallinella piace tanto anche a me, è così delicata e si presta a tanti abbinamenti, sebbene, secondo me, il pesce debba essere consumato nella forma più schietta possibile, come quella scelta da te!

  3. 5 stars
    Che bella ricetta mediterranea Juls!!! … Ho scoperto questa varietà di pesce da poco, l’ho fatto al forno, e mi è piaciuto così tanto (ha un sapore delicato e intessante!!) che al prossimo giro la tua ricetta è d’obbligo…=) E poi come mi ricorda l’estate la frittura di pesce …;)grazie!!

    1. già!!! io ho il gusto di una bambina quando si parla di frittura: i totanini fritti, ad anellini, sono i miei preferiti in assoluto, seguiti dai gamberetti! ah cosa darei per un vassoio di fruittura proprio ora!

  4. Che meraviglia cara Juls! Quanti ricordi anche per me se penso a quando da bambini andavamo a Termoli.. Si raccoglieva i cannolicchi con mio padre e mio fratellino.. 🙂
    Grazie per questo tuffo nel passato e per il link al risotto 😛
    bacio

  5. io non conosco Castiglione della Pescaia, la ricetta sembra buona ma..mi sono soprattutto innamorata della tavola di legno azzurro!ma quant’è bella!perchè non ci fai le foto al resto dell’ambiente?

    1. quella l’ha fatta il mio babbo!! insieme ad altre di altri colori! la prossima volta che torno a Castiglion della Pescaia faccio qualche foto, promesso!

  6. 5 stars
    Questo post non fa che aumentare la mia sensazione di ”mare! non voglio lasciarti per nulla al mondo” :’)
    Molto interessante la cottura del pesce 😉 gustoso!

    Ah, ho creato da pochissimo un mio blog con mia sorella 🙂 mi farebbe molto piacere che mi facessi visita!
    Marco.

  7. quello che mi piace di te è che riesci a trasormare la ricetta più semplice in qualcosa di veramente speciale..complimenti
    Un abbraccio
    fra

    1. sì, è stata una delle mie primissime volte al mare di settembre, ma me ne sono proprio innamorata! è molto più romantico, poetico e .. sì, energizzante, rinvigorente, rende l’idea!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca