skip to Main Content
Strudel Di Mele

Galeotta fu la montagna, e uno strudel di mele…

Sono uscita dalla piscina con una giacca leggera, i capelli ancora umidi e le caviglie scoperte. Nel parcheggio si sentivano i grilli, e si vedevano le stelle far capolino tra i pini. Sono tornata a casa avendo addosso la sensazione di una sera di fine estate, nonostante il calendario fosse fermo a ottobre da una ventina di giorni. Abbiamo dormito…

Read More
Composta Saporita

Siena e la composta saporita di Violante di Baviera

Per capire veramente il Palio devi essere di Siena. Devi crescere in una contrada, una seconda famiglia allargata in cui sentirsi a casa circondato da amici. Devi riconoscere l'arrivo dell'estate dal tufo in terra in Piazza del Campo, messo pochi giorni prima del Palio del 2 luglio, quello dedicato alla Madonna di Provenzano. Lo stomaco ti si stringerà in una…

Read More

Livorno e il baccalà in agrodolce

Ho conosciuto Livorno grazie a una delle mie migliori amiche, Laura. Sua nonna Rina abitava a Livorno, proprio accanto allo stadio, e durante i primi anni dell’università siamo andate a trascorrere un fine settimana da lei. Di lei mi ricordo il sugo di pomodoro, l’orgoglio con cui guardava i suoi nipoti e l’accento siciliano-livornese, che cambiava a seconda dell’interlocutore. Appena arrivate la…

Read More

Il buccellato di Lucca, un pane dolce antichissimo

Il buccellato è il dolce tipico di Lucca, caratterizzato da un nome antichissimo. Il nome risale infatti al tempo dei Romani, quando con buccellatum si indicava il pane dei soldati, passato poi all'accezione medioevale di pane dolce. A Lucca si parla di buccellato già in un documento del 1485 legato al processo di una donna che aveva ucciso il marito proprio grazie all'aiuto un buccellato…

Read More

Da un forno fiorentino: il pan di ramerino del Giovedì Santo

Mamma ha impastato a mano dieci schiacciate di Pasqua, profumate di anice e rosolio. Le ha formate con le mani ricoperte di farina, le ha messe nei tradizionali stampi di carta marrone e poi le ha fatte lievitare nel caldo della cucina, al riparo dagli spifferi grazie a una coperta a quadri. Con l’aiuto di babbo le ha poi infornate…

Read More
Back To Top
×Close search
Cerca