skip to Main Content

Verde! Pasta al pesto di pisellini e pancetta croccante

Mi capita spesso di creare ricette in base al colore dominante di un ingrediente. Tempo fa, ad esempio, partendo dal giallo carico della farina di mais, ho fatto uno dei dolci che preferisco e che ho riproposto da allora in più di un’occasione speciale, la torta al limoncello. Questa volta il tema portante è il verde.

Verdi i pisellini, possibilmente appena sbucciati, croccanti e dolci, che fanno quel rumore buffo quando cadono nella ciotola di porcellana, quasi di pioggia delicata e ovattata.

Verde l’apparecchiatura della tavola, dal bicchiere di vetro pesante alle ciotoline per aggiungere individualmente pancetta croccante e caprino alla pasta, per una tavola fresca e spensierata, in cui ognuno si sente il benvenuto e non entra nel panico se sporca la tovaglia, tanto è verde anche quella!

Il verde, in tutte le sue sfumature, è sempre stato il mio colore preferito: il verde tenero dell’erba nuova della primavera, il verde profondo delle foreste del Nord Europa, cariche di storie e leggende, il verde smeraldo dei mari più caldi, il verde acido della mia maglietta preferita quando ero piccina.

Il verde è il colore dell’Irlanda: l’ho amata da subito proprio per il suo essere l’isola di smeraldo, in cui il verde delle colline è così intenso e vivo che pare vibrare e inseguire con le sue sfumature le nuvole che corrono nel cielo. Ma verde è anche la Val d’Orcia in primavera, con le sue colline di velluto che sembrano messe lì da una mano attenta e premurosa.

Anche i miei occhi sono verdi: è la cosa che più mi piace di me fin da quando ricordo, non so come mai di preciso, ma il fatto che fossero in qualche modo legati al colore delle foglie e dei prati mi ha sempre dato quell’idea di magia sottile, elfica, che tanto affascinava la mia mente di bambina (e ancora lo fa!).

E oggi verde è la pasta: il pesto è il mio condimento preferito, che sia di basilico, di pistacchi o di rucola, lo trovo un modo veloce e saporito per trasformare un piatto di pasta in un tripudio di colori e sapori… provatelo di pisellini, con la pancetta dolce croccante per rendere la tua pasta ancora più saporita!

Stampa questa ricetta Pin it!
0 da 0 voti

Pasta al pesto di pisellini e pancetta croccante

Portata Primo
Cucina Italiana
Chef Giulia

Ingredienti

  • 350 g di pisellini freschi sgusciati o congelati, dipende dalla stagione
  • ca. 20 foglie di menta
  • ca. 20 foglie di basilico
  • 125 ml di olio extravergine di oliva
  • 1 pizzico di sale
  • 320 g di farfalle
  • 100 g di pancetta dolce Montorsi
  • 100 g di formaggio caprino fresco

Istruzioni

  • Scotta i pisellini in acqua bollente salata per circa 5 minuti, poi scolali, passali sotto l'acqua fredda per mantenere il loro colore verde brillante e versali nel bicchiere del frullatore.
  • Aggiungi le foglie di menta e basilico, un pizzico di sale e circa 125 ml di olio extravergine di oliva: frulla tutti gli ingredienti finché non ottieni una crema omogenea. A questo punto assaggia e regola di sale, se necessario.
  • Mentre la pasta cuoce in abbondante acqua bollente salata, metti la pancetta in una padella antiaderente con un cucchiaino d'olio, e falla cuocere finché non diventa ben croccante e ha buttato fuori tutto il grasso. A quel punto toglila e mettila ad asciugare in un piatto con un foglio di carta da cucina. Quando è fredda tagliuzzala su un tagliere con un coltello, per avere delle briciole di pancetta croccante.
  • Scola la pasta e condiscila con il pesto di piselli, la pancetta croccante e il caprino fresco sbriciolato.
Hai provato questa ricetta?Ci piace vedere tutte le tue creazioni su Instagram, Facebook & Twitter! Scatta una foto e condividila taggando @julskitchen e usando l’hashtag #myseasonaltable!

Sharing is caring:
This Post Has 24 Comments
  1. Bellissimo post e bellissimo piatto…geniale anche il sito per sfruttare i cubetti montorsi che ammetto di utilizzare spesso 😉
    Un bacione e buon inizio settimana
    fra

  2. A me il verde non sta bene, come vestiti, intendo, ed è un peccato, perchè trovo che sia un gran bel colore, soprattutto abbinato al rosa, come nel tuo saporitissimo piatto…

  3. Tesoro prima di tutto voglio farti tantissimi complimenti per il libro davvero sono felice per te e il colore di questo piatto….assolutamente divino e saporitissimo!!Baci,Imma

  4. Da tempo il verde mi attre in maniera impressionanate. E’ un colore che mi fa stare bene, piu’ che indossarlo, amo circondarmi di oggetti verdi. Il tuo piatto colpisce in tutto il suo colore, bella come idea creare piatti in tinta. Ho scoperto la tua bellissima novita’, il libro!! Grandeeeee, mi fa davvero molto piacere, è sempre una grande cosa realizzare un sogno!! 😉 Complimenti!!!!

  5. colori bellissimi e ricetta davvero sfiziosa! anche per me il pesto resta il condimento più buono! non l’ho mai provato di piselli… provvederò! grazie!

  6. finalmente riesco a collegarmi!!! lo sai che il verde è il mio colore preferito vero???alla fine quando compro qualcosa sono sempre attratta dal verde ..mi mette allegria e speranza,….questo piatto mi ispira parecchio …baci e grazie per essere passata da me…notte

  7. Che bello pensare di poter fare dei pesti alternativi. Stanotte sono fuori casa x una riunione di lavoro ma mi verrebbe la voglia di correre nella mia cucina e sperimentarla. Bellissime queste foto…diciamo che il verde l’avevo sottovalutato. Notte…

  8. quando si tratta di verdure e pasta nn mi trattengo!
    Delizia tutta verde cara Juls, che spettacolo anche l’apparecchiatura 🙂
    un abbraccio

  9. E trovo che il verde si addica perfettamente ad una bella mora come te.
    Per me il verde è sinonimo di fresco e fa rima con le vacanze in montagna: relax, passeggiate, natura,…
    La past è golosissima e la pancetta croccante ci sta a meraviglia.
    Adesso però ho bisogno della ricetta di quella torta al limoncello… Vado a cercarmela!
    Un abbraccio tesoro e alla prossima settimana!

  10. queste farfalle hanno dei bellissimi colori! Mai fatto un pesto di piselli, ma sono sicura che con la pancetta croccante sia una delizia!

  11. […] Lo chiamano ragù, ma per farlo ci vuole meno che a bollire l’acqua della pasta. Non richiede una cottura lenta e tradizionale come il ragù di nonna. Non è nemmeno un pesto, però, perché non dovrai frullare mandorle, salvia e olio fino a ottenere una salsa liscia come faresti con basilico e pinoli per il classico pesto alla genovese, o con il pesto di pistacchi, quello di cavolo nero, o quello di pisellini freschi. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca