skip to Main Content

Festa hawaiana: spaghettini con pancetta e polpa di granchio

Non amo molto le discoteche e qualche volta preferisco rimanere a casa a cucinare o scrivere piuttosto che andare a ballare… eppure la dura vita della single richiederebbe una frequentazione se non costante per lo meno assidua dei luoghi di socializzazione per togliermi questa etichetta di dosso. Nonostante questo, mi piace stare in compagnia e mi piacciono le feste, quelle piene di amici, in cui si parla, si ride fino alle lacrime e si mangia. Se in discoteca mi si cominciano a chiudere gli occhi allo scoccare della mezzanotte (che persona anacronistica che sono… sarà l’influenza di Cenerentola?), ad una festa tra amici posso rimanere a chiacchierare davanti ad una tavola apparecchiata fino a tardi, perdo la cognizione del tempo e mi godo l’atmosfera.

Ho sempre avuto il sogno di organizzare grandi feste, come nei film, con musica, colori e tavole imbandite nel mio giardino, perché abitando in campagna questo è uno dei tanti vantaggi che ho: nessun vincolo di orario, nessun vicino scontroso, spazi ampi da riempire di mani, piedi e sorrisi festanti. Ma fino a qualche anno fa c’era un problema, riempirlo quel giardino, finché…

Tre anni fa, un pomeriggio d’estate chiacchierando con un amico.
Quanto mi piacerebbe fare una festa in giardino, ma come faccio? non conosco abbastanza gente da renderla memorabile!
Hai un giardino? sei sicura di voler mettere a disposizione il tuo giardino per una festa?”
Certo che sì!
OK, tu pensa a preparare il cibo, alla gente ci penso io“.

Da lì è iniziato tutto. Sono diventata una Couchsurfer, ho conosciuto persone speciali che adesso considero tra i miei migliori amici e non ho più avuto nessun problema a riempire il giardino quando volevo fare una festa… prova ne è un concerto sotto le stelle con 101 persone che hanno reso quella notte d’estate memorabile. Ho fatto pace con il mio essere sociale, e mi son resa conto che lo sono, ma in contesti nei quali mi sento a mio agio e possibilmente con un paio di scarpe comode ai piedi!

Una delle feste più riuscite è stata quella hawaiana, con colori accesi, collane di fiori, lanternine e la musica giusta di sottofondo, da Jack Johnson a Jason Mraz, note liquide, scorrevoli, accattivanti che trasformano una sera toscana in una notte sotto le stelle sulla spiaggia di Honolulu.

Basta poco per rendere indimenticabile una festa: sicuramente servono le persone giuste, ma anche il cibo aiuta. Quando lo scorso anno abbiamo riproposto l’Hawaiian Luau a casa di mio zio – altro giardino in campagna in cui è una meraviglia organizzare le feste – abbiamo fatto anche una piccola ricerca su quale fosse il cibo più adatto per un party hawaiano.

Abbiamo preparato due enormi ciotole di questi spaghettini di riso e le abbiamo appoggiate sul tavolo, pronti a spiegare quali fossero gli ingredienti e a fronteggiare qualche occhiata scettica. Per fortuna non abbiamo dovuto convincere nessuno: nel giro di 10 minuti le due enormi ciotole erano vuote e si era già diffusa la voce che gli spaghettini hawaiani fossero la fine del mondo!

Adesso che arriva l’estate provate anche voi a portare un pizzico di magia hawaiana nelle vostre feste!

Stampa questa ricetta Pin it!
0 da 0 voti

Spaghettini con pancetta e polpa di granchio

Porzioni 4
Chef Giulia

Ingredienti

  • 200 g spaghetti di riso
  • 200 g pancetta affumicata
  • 200 g polpa di granchio o surimi
  • 100 g arachidi salate
  • 1 cucchiaio di cipollotto fresco affettato sottilmente, solo la parte verde
  • 2 gambi di sedano, affettati a rondelle sottili
  • 1 cucchiaio di maionese
  • 1 cucchiaio di yogurt greco
  • 1 cucchiaino di semi di nigella, o di sesamo
  • sale e pepe

Istruzioni

  • Cuoci gli spaghettini di riso secondo le istruzioni della confezione, scolali e passali sotto l'acqua fredda per farli raffreddare. tagliali con le forbici in 3 o 4 punti, per aiutarti dopo nel condirli e mescolarli.
  • In una padella grande antiaderente metti la pancetta e lasciala cuocere a fuoco basso finché non comincia a diventare rosa e rilascia un po' del suo grasso. A questo punto aggiungi la polpa di granchio tagliata a fettine sottili e mescola il tutto per qualche minuto con un cucchiaio di legno finché la pancetta non è dorata e croccante in qualche punto.
  • Prendi una ciotola grande e mettici gli spaghettini di riso: condiscili con la pancetta e la polpa di granchio, le arachidi salate, il sedano e il cipollotto affettati sottilmente, lo yogurt greco e la maionese. Mescola con le mani per distribuire il condimento uniformemente negli spaghettini.
  • Prima di servire cospargi gli spaghettini di riso con dei semini di nigella o di sesamo, preferibilmente nero per un bel contrasto cromatico.
Hai provato questa ricetta?Ci piace vedere tutte le tue creazioni su Instagram, Facebook & Twitter! Scatta una foto e condividila taggando @julskitchen e usando l’hashtag #myseasonaltable!

 

Sharing is caring:
This Post Has 18 Comments
  1. Ahahah Juls ora capisco perche mi avevi invitata a Vallechiara, solo perche finisce a mezzanotte!! 🙂 Comunque alla prossima festa in giardino mi aspetto un invito se si mangiano questi spaghettini… Tra l’altro ho gli spaghetti di soia da un po nella dispensa e mi ha fatto venire in mente che devo farci un bel piattino!!! 🙂
    Bacino

  2. Le foto sono meravigliose e mettono già allegria se poi metti questi piatti ad una festa all’aperto con gli amici il tutto non può che essere perfetto.
    Nemmeno io ho mai amato le discoteche e le ho sempre trovate abbastanza squallide e prive di divertimento e preferivo una pizza con gli amici piuttosto.
    Buona giornata.

  3. Anch’io, anch’io, Giulina ci sono anch’io!!!!
    Ho già indossato la collana a fiori e c’ho l’ananas in mano.
    😀

    ps: tutto splendido!

  4. Nooooo, guarda come sono carine queste ciotoline. Che presentazione! Appena smette di piovere magari una festicciuola in giardino la faccio e potrei pensare a qualcosa del genere.
    Bell’idea!

  5. Ma che bello!!
    Queste feste devono essere splendide….e capisco benissimo cosa intendi con “addormentarsi a mezzanotte in discoteca”! niente a che vedere con una bella serata tra amici :))
    Se non fossi lontana, farei l’imbucata ad una delle tue feste! hahahah :))

  6. Ricetta ganzissima! e poi le foto sono stupende.. vien voglia di provare di provarle tutte queste ricette solo per come sono presentate! COMPLIMENTI!!

  7. Non so cosa sia una couchsurfer, ma se ciò comporta feste hawaiane e spaghetti con polpa di granchio e pancetta farò il possibile per diventarlo anch’io.

  8. Come ti invidio lo spazio in giardino per le feste! E il tema hawaiano si presta molto.
    Questa cosa del couchsurfer mi incuriosisce: in pratica si tratta di una sorta di piccola guest house?
    Non ti conosco ma devi avere un cuore grande e mi stupisco che sia ancora single!

  9. Le discoteche non piacciono neanche a me… E bello sapere che non sono l’unica su questo pianeta 🙂 Un pranzo tra amici non ha paragoni… Come sempre, complimenti per il tuo post!

  10. ciao! che bello le feste e le cene tra amici…anche io sono una di quelle che non ha mai amato troppo la discoteca, anzi, quasi sempre ripudiata. di gran lunga preferisco le cene a casa in compagnia delle persone giuste, una buona bottiglia di vino, tante risate e del buon cibo. però ti devo dire che ogni tanto la discoteca aiuta…figurati che io in discoteca ho conosciuto quello che poi è diventato mio marito!!!! e chi l avrebbe mai detto? quindi presa a piccolissime dosi va bene anche quella. un bacione!

  11. le feste in giardino che belle!!!!!!!!!!!
    quante ne abbiamo organizzate con mio fratello!!! una volta per quella hawaiana avevamo passato non so quante sere a preparare collanine di fiori, e poi tanti giochi, musica…sai che non ricordo proprio cosa preparavamo da mangiare 🙂
    segno i tuoi spaghetti per la prossima festa!

  12. Juls, abbiamo lo stesso sogno. Grandi feste, con gente interessante e preferibilmente in giardino. Io sono arrivata ad un massimo di 35 persone unendo le mie amicizie con quelle della Cavia. L’anno scorso per il suo compleanno un’amica ha anche fatto uno spettacolino di danza del ventre. Ma la location più usata alla fine è il terrazzo condominiale, altro che il giardino. QUello c’è solo in una casa con cucina grande ma poco attrezzata, anche se sto cercando di rilanciarlo con i barbecue.
    Una festa hawaiana mi manca. E non conoscevo questi spaghetti, al più ero arrivata alla pizza hawaiana (prosciutto ed ananas) che è molto meno male di quello che uno si aspetta.

    Ma come gestisci lo stress da festa? Io vorrei sempre avere più tempo da dedicare a ciascun invitato, mentre alla fine corro da uno all’altro, cercando di non lasciar solo nessuno, di parlare con tutti. Ma non mi sembra mai abbastanza

  13. Non c’è cosa più bella di stare in mezzo al buon cibo e agli amici cari. Anch’io non ho mai amato la discoteca. Troppa confusione e pochissima socializzazione (se escludiamo lo struscio o le avances di ragazzi un pò su di giri).

    Ma cos’è una couchsurfer?

  14. Anch’io, anch’io voglio usare il tuo giardino per una festa megagalattica. Se penso che riesco a stipare una ventina di persone sulla mia terrazza con buffet e sedute sulle fioriere…ma adoro pensare di preparare una festa a tema con tanto di super buffet golosissimo e tanta musica e gente simpatica piena di allegria, che chiacchiera e balla allo sfinimento. Non ho la tua fortuna, ma la tua idea è fantastica e sicuramente la migliore per socializzare. Alle discoteche preferisco le balere, sarà un po’ old fashion ma quanto è più intrigante un giro di tango o di salsa al devastante suono acido della house music? A proposito, hai mai pensato di iscriverti ad una scuola di tango? Io l’ho fatto ed è una cosa da total addiction (lo dice anche Luca Carboni “e imparare a ballare il tango, che nella vita serve sempre”….). Un abbraccione grande, Pat

  15. mmm che buona, mi chiedevo la polpa di granchio già pronta dove la trovi?
    Beh dai, non è che la vita da single sia poi così dura, a me la mia indipendenza e libertà non dispiacciono, anche se poi si sa, quando ci si innamora quello che dice Tolstoij è sacrosanto (Libertà? Lei (o lui nel nostro caso) è la mia libertà)!
    Anch’io mi sono iscritta a tango e nonostante sia imbranatissima lo adoro, però a me piace ballare in generale, anche in discoteca, non la house però, quella mi smorza proprio tutti gli entusiasmi!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca