skip to Main Content

Luglio. Torta di farina di mais e limone

Luglio è il mio mese speciale. È un mese pieno di estate e vacanza, più intenso e profondamente radicato nell’estate di giugno, più spensierato di agosto perché l’autunno è davvero troppo lontano perché possa far annusare l’odore di bosco o di venti di tempesta. Luglio è un mese in cui possiamo ancora programmare l’estate, perché è appena iniziata, in cui le giornate sono ancora lunghe, in cui possiamo sederci sulla soglia di casa la sera a chiacchierare, o a mangiare un gelato, per godere degli ultimi minuti di luce.

Torta di farina di mais

Ho sempre avuto un debole per lui, questo mese biondo di grano, con gli occhi azzurri di cielo. Era il mese in cui cominciavo a colorarmi, in cui i segni della canottiera facevano da cartina di tornasole, a marcare i miei progressi giorno dopo giorno.

Luglio è il mese del mio compleanno, solo per questo lo amo di un amore bambino, il mese più bello dell’anno perché proprio alla fine, prima di agosto, arriva il giorno più emozionante dell’anno, dove cresco, cambio, e mi rafforzo.

Luglio da qualche anno a questa parte è il mese delle piccole fughe a Londra, a respirare l’aria frizzante della metropoli che più mi affascina. Lo scorso anno sono stata pochissimo per partecipare al Food Blogger Connect, quest’anno andrò per un weekend lungo a fare la turista, a vedere tutti i musei, perché – vergogna mi colga – ogni volta di fronte alla scelta tra Borrough Market e Tate Modern sono svicolata tra le bancarelle di uno dei più vivaci mercati del mondo.Ma questa volta andrò con un ragazzo appassionato di musei, che mi riprenderà per la collottola se davanti alla National Gallery tirerò dritta in cerca di un piccolo café in cui sedermi a far finta di essere una londinese.

Torta di farina di mais

Come se non amassi luglio abbastanza, quest’anno luglio porta anche un motivo in più per essere il mio mese speciale. È diventato il nostro mese speciale, quando festeggio il passaggio dall’io a noi, un anno di noi. Ogni tanto lasciatemi anche essere romantica…

Allora, luglio, volevo darti il benvenuto con un po’ di ritardo con una torta che so che ti piace tanto, rustica, burrosa, gialla come la farina di mais, con il profumo del limone e senza glutine. Densa quasi come un budino, si serve con un po’ di frutta fresca di stagione e una spolverata di zucchero a velo.

Stampa questa ricetta Pin it!
5 da 1 voto

Torta di farina di mais e limone

Portata Dolce, Senza glutine
Cucina Italiana
Preparazione 5 minuti
Cottura 55 minuti
Tempo totale 1 ora
Porzioni 8
Chef Giulia

Ingredienti

  • 200 g di burro, a temperatura ambiente
  • 200 g di zucchero
  • 4 uova
  • 160 g di farina di mais
  • 75 g di fecola di patate
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • Scorza grattata di 1 limone non trattato
  • Farina di mais e burro in più per imburrare lo stampo

Istruzioni

  • Monta il burro a temperatura ambiente con lo zucchero. Aggiungi le uova una per volta, poi il lievito e le due farine setacciate con la scorza di limone.
  • Imburra una teglia rotonda di 24 cm di diametro, cospargi di farina di mais e togli quella in eccesso. Versa il composto nella tortiera e cuoci in forno caldo a 190°C per 55 minuti.
  • Lascia raffreddare completamente prima di servire e cospargila di abbondante zucchero a velo.
Hai provato questa ricetta?Ci piace vedere tutte le tue creazioni su Instagram, Facebook & Twitter! Scatta una foto e condividila taggando @julskitchen e usando l’hashtag #myseasonaltable!

Ivy  Pears

Torta di farina di mais  Grapes

Link love

Tengo sempre in casa della farina di mais, non tanto per la polenta, che non è uno dei miei piatti preferiti, quanto soprattutto per torte e biscotti, perché mi piace il tocco croccantino che regala ad ogni preparazione.

Segnatevi in agenda!

A ottobre terrò un corso di cucina per Plated Stories, il workshop organizzato in Toscana da Ilva e Jamie. Il workshop è in inglese, ma tenuto da due blogger professioniste, dare un’occhiata al loro sito. Siete ancora in tempo per iscrivervi. Quando: 3 – 5 Ottobre 2014.

Plated Stories is a Intensive Hands-On Food Photography/Styling & Food Writing Workshop. The workshop will include intensive, hands-on exercises in both writing and styling/photography, as well as understanding how text and images can work together to create a more powerful story. More info here.

Sharing is caring:
This Post Has 44 Comments
  1. Che bel post in cui mi ritrovo, luglio è il mese del mio compleanno, mese di bilanci, emozioni, parole, mese di estate piena perchè ad agosto a volte mi pare sia già finita e a giugno ti sembra ancora debba arrivare! Mi ritrovo in tutto, pure su Londra e la torta, ottima, amo i dolci con il limone! buona settimana!

    1. Lilli, è una bella cosa essere nate a Luglio, eh? ci troviamo a far bilanci quando il resto del mondo è in vacanza! buon fine settimana!

  2. Giuli!!!!!
    anche io sono nata a Luglio!!!!! il 29 e lo adoro come te!!!! i campi sono bellissimi!!!!! tutta la natura è bellissima!!!! io sono di una fierezza leonina per essere nata in questo caldo mese speciale!

  3. Allora goditi luglio carissima Giulia!!
    Mi unisco a quelle che lo amano e che festeggiano qui il loro compleanno.
    Ti invidio un pochino per la fuga a Londra, vorrei qualche motivo “lavorativo” per avere la scusa di scapparci ogni tanto……
    Bacioni, franci

    1. per anni ho desiderato fare un compleanno quando i miei amici della scuola potevano esserci, adesso luglio non lo cambierei con niente al mondo!

  4. PS
    Alla National Gallery ti consiglio vivamente “il cartone di Leonardo”……te lo dico perchè è nascosto in una stanza tutta sua, e incredibilmente alcuni non lo vedono……è emozionante.
    Ciao


  5. Ciao Giulia, ho visto che ieri ho avuto degli accessi dal tuo blog e non riuscivo a capire come mai…Avevo pure letto il post ma mi era sfuggita la citazione…Beh, grazie mille! Un abbraccione e buon compleanno (non so se sia già stato o debba ancora venire)…:)

  6. cara giulia, dal tuo post mi è arrivato il profumo di questa delizia 🙂 e l’ho sperimentata immediatamente, seguendo la tua ricetta pedissequamente!Unica licenza è stata quella di utilizzare una taglia in silicone appena comprata, senza imburrarla e infarinarla. Dopo 40 minuti mi si era colorata molto in superficie quindi l’ho tolta dal forno, non è cresciuta molto ma soprattutto all’interno sono rimasti ben distinti due strati, quello più basso granuloso e compatto, quello più alto, morbido e budinoso, come scrivi tu. Dici che andava cucinata meno? Non ho molta fortuna con le torte con farina di mais, ma mi piacciono molto, poi da quando ho scoperto di essere celiaca adoro sperimentare con farine naturalmente senza glutine. Beh più che sperimentare,diciamo pasticciare…;-) Grazie per i tuoi consigli e complimenti per il tuo blog!

    1. Ciao Valeria, molto probabilmente è dovuto al non aver perfettamente amalgamato gli ingredienti, che poi si son separati… prova a setacciare le due farine, a usare un burro a temperatura ambiente e ad incorporare le uova una dopo l’altra. Spero venga meglio la prossima! Poi io ho cotto per circa 1 ora, ma sai, ogni forno è diverso…

  7. “Ogni tanto lasciatemi anche (dimostrare di) essere romantica”.
    Perché chi ha la fortuna come me di conoscerti di persona sa che lo sei sempre, e ti adora anche per questo.
    Auguri a te e a voi e un abbraccio caldo.
    r.


  8. Su quegli scalini di pietra giace un piccolo capolavoro! Bella la combinazione di colori, soprattutto le pennellate di rosso e viola sul giallo. Brava, come sempre. 😉

    1. Grazie Nicoletta! la foto mi ha fatta confondere non poco, c’era un cielo strano, tra la pioggia e la luce accecante! che luglio strano!

  9. Giulia in attesa che arrivi il tuo compleanno ti auguro un buon viaggio a Londra ….ci sono stata a giugno ed hai ragione …è una città che porta dipendenza !!! Le torte con un po’di farina di mais piacciono anche a me !!!!


  10. Ma sai cosa ti dico Giuli?!?!
    che io sono nata il 26 e quasi quasi questa torta me la preparo per spegnere le mie candeline quest’anno! 🙂

  11. Ciao Giulia,
    proverò sicuramente questa ricetta. Anche io come te sono nata in piena estate nel caldo agosto e come te da bambina sognavo di poter festeggiare con gli amichetti che invece erano al mare, ma adesso non cambierei questo mese con niente al mondo. Vuoi mettere una bella cena sotto un manto di stelle ascoltando il dolce canto dei grilli?? Un bacio e …. buona estate!!!!


  12. Ciao Giulia, una bella ricetta per un’intollerante al glutine come me! A casa ho la farina di mais per polenta istantanea, andrà bene anche per una torta?
    Auguri per l’anno nuovo!

    1. Ciao Elena, sinceramente non so dirti, ma io sono sempre per provare! Magari avrà una consistenza diversa, ma tentar non nuoce! Auguri a te!

  13. Carissima Giulia, cercavo una torta senza glutine da preparare a un”amica e guarda caso..Google mi ha portato da te anche se ti seguo sempre questa mi era sfuggita! Secondo te come ci stanno le mele a cubetti dentro? E ti volevo chiedere se posso sostituire il burro con l olio? Adoro le tue ricette anche perché studiando a Firenze quando parli della Toscana mi emoziono a leggere il tuo entusiasmo nel condividere le tradizioni e i sapori di questa regione e non solo! Un bacione

    1. Ciao Elisa, credo che le mele ci stiano benissimo, danno ancora più morbidezza e rendono la torta fruttata.
      Sulla sostituzione del burro ho qualche dubbio, temo che già che non ha glutine stia insieme con maggiore difficoltà e risulti più unta. Se opti per l’olio però, io ne dimezzerei le quantità. Fammi sapere come sarà il risultato! Un abbraccio e buon weekend
      G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca