skip to Main Content

Crespelle di grano saraceno. Sere d’estate

Facciamo le crêpes? Lui se ne esce così in un tranquillo sabato pomeriggio estivo, uno di quelli tipicamente italiani. Passeggiata in centro a Firenze, un caffè freddo, qualche progetto che prende forma, l’ombra dei palazzi che rinfresca e il fiume di turisti che ti passa accanto, con lingue diverse, gelati di ogni gusto, guance accaldate e sorrisi estasiati.

Crespelle di grano saraceno

Avevo due strade. Fare una cosa semplice e tenere un profilo basso, per stare ancora un’ora in giro in centro, o scegliere la via più complessa, ma saporita. Vi lascio indovinare quale ho scelto. Ogni occasione in cucina è un’occasione che va sfruttata. Non è solo questione di mangiare bene, anche se quello è la base di ogni mio ragionamento. È che ogni volta hai in mano ingredienti, sapori e profumi che ti possono far viaggiare, che possono trasformare un tranquillo sabato casalingo in un viaggio nel tempo e nello spazio. Se le menti che sognano e viaggiano sono due, vengono fuori piatti che hanno il potere di portarti in vacanza.

Le crespelle della sua idea iniziale sono diventate crêpes di grano saraceno, con uovo al tegamino, prosciutto arrosto e verdure grigliate. Ricordano le crêpes au sarrasin della cucina francese. Ho dei ricordi ancora vividi della mia unica settimana passata in terra francese, in Provenza, e sono quasi tutti legati ai mercati e a quello che ho mangiato.

Poche uova fresche, le verdure de Il Ceppo Firenze appena arrivate e un giardino profumato di basilico e fiori estivi hanno completato la magia.

Summer in Tuscany  Summer in Tuscany

Crespelle di grano saraceno  Crespelle di grano saraceno

Più faccio crespelle e più mi immagino quanto sarebbe divertente un crespella party, in cui da un lato del tavolo c’è una povera sventurata che gira mestolino e padella senza sosta per fare crêpes calde, dall’altro una distesa di possibili ripieni per le crespelle, che vanno dal dolce al salato.

Di solito la sventurata alle prese con le crespelle sono io, ma con il grano saraceno, se si fanno sottili sottili, le crêpes non diventano gommose nemmeno da fredde, e quindi è possibile prepararle per tempo e dedicarsi poi alla vostra attività preferita, provare ogni singola combinazione.

  • Peperoni e formaggio grigliato con olio d’oliva e origano. Userei l’halloumi, se qui si trovasse. L’halloumi è un formaggio originario di Cipro di cui mi sono invaghita di un amore non corrisposto a Londra. Una volta sono arrivata a infilarne un pezzo in valigia, ma ha purtroppo ha accusato il giorno di viaggio… Su Gastronomia Mediterranea trovate qualche dettaglio in più su questo particolare formaggio.
  • Zucchine e mozzarella con olio alla menta. Per l’olio alla menta basterà tritare finissima qualche foglia di menta o mentuccia e lasciarle in infusione nell’olio di oliva buono per una mezzoretta. Aggiungere anche dell’aglio tritato se vi va. La mozzarella non affettatela ma tagliatela a bocconcini con le mani, assorbirà meglio il condimento.
  • Pollo grigliato, lattuga, limone e avocado. Come abbinamento ricorda un po’ i tacos, è rinfrescante e veloce da preparare. Potere anche grigliare la lattuga come ha fatto Sonia in questa ricetta adatta alle sere d’estate, lattuga alla griglia con salsa simil Caesar.
  • Funghi porcini con nepitella. Se volete rimanere sul vegetariano questo è un abbinamento che non stanca mai. Funghi porcini a cubotti leggermente scottati un una padella rovente con un filo d’olio buono e nepitella fresca. Potete aggiungere del formaggio, un uovo in camicia, o prendere ispirazione da questo post di Green Kitchen Stories ed osare con pesche, pomodori e avocado.

Crespelle di grano saraceno

Ecco allora la ricetta delle crespelle al grano saraceno di sabato sera, fatta seguendo le dosi riportate sul piatto da crêpes di Tommaso. Fatele sottilissime e dorate e non diventeranno gommose nemmeno da fredde.

Crespelle di grano saraceno
Preparazione
5 min
Cottura
5 min
Tempo totale
10 min
 
Piatto: Piatto unico
Cucina: Francese
Porzioni: 8 crespelle
Chef: Giulia
Ingredienti
  • 2 uova
  • 50 g di farina di grano saraceno
  • 90 ml di latte intero o di acqua
  • 15 g di burro sciolto
  • 1 pizzico di sale
Per guarnire le crespelle
  • 1 melanzana
  • 2 pomodori non troppo maturi
  • 2 cipollotti freschi
  • 2 cucchiai di pesto
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 8 fette di prosciutto arrosto
  • 100 g di scamorza affumicata
  • 4 uova
  • Sale
  • Pepe
Istruzioni
  1. Sbatti le uova in una terrina, poi aggiungi la farina di grano saraceno e mescola per eliminare ogni grumo. Aggiungi il latte, il burro fuso e un pizzico di sale.
  2. Scalda una padellina antiaderente e quando è caldissima versa una cucchiaiata di impasto. Fallo asciugare sotto e diventare dorato, gira la crespella e falla dorare anche sull'altro lato.
  3. Continua così fino ad esaurire l'impasto.
Per guarnire le crespelle
  1. Griglia in una padella di ghisa caldissima una melanzana affettata sottilissima, i pomodori tagliati in fette piuttosto spesse e i cipollotti tagliati in quattro spicchi.
  2. Condisci tutte le verdure con un po' di pesto allungato con olio di oliva buono.
  3. Prepara un padellino con un po' di olio e cuoci le uova al tegamino, aggiungendo anche la scamorza perché si sciolga leggermente.
  4. Adesso sei pronto a guarnire ogni crespella con un uovo, un po' di prosciutto arrosto e le verdure grigliate. Buon divertimento e buon appetito.

Summer in Tuscany

Se le crespelle avanzano possono anche diventare il veicolo per il dessert, da riempire con frutta o gelato. Potete farne una dose doppia per essere sicuri che avanzino, io lo farei. Oppure, se per chiudere la cena avete già programmato altro, conservate le crespelle fino ai giorno successivo. Mettetele in un piatto e coperte da pellicola per alimenti, vi ritroverete una colazione da giorno di festa già pronta. Basterà solo spalmarle di marmellata di lamponi per sentirsi subito in vacanza.

Ma vediamo qualche abbinamento dolce, valido tanto per la sera quanto per la colazione.

  • Confettura di lamponi e una spolverata di zucchero a velo. Di gran lunga il mio abbinamento preferito, se avessi anche la fortuna di saper dove trovare lamponi freschi per fare la confettura mi riterrei una regina. Intanto mi segno la ricetta, quella di Labna.
  • Con gelato e frutta fresca. Per il gelato anche quest’anno userò come base la mia crema fiorentina dello scorso anno, il miglior risultato ottenuto da quando abbiamo la gelatiera. Insieme ad una pallina di gelato una macedonia di pesche e cedrina.
  • Con crema di cioccolato. Io per comodità aprirei un barattolo di Nocciolata Rigoni di Asiago, ma avendo un po’ di tempo a disposizione e ospiti vegani a cena la crema di nocciole vegan di Azabel sarebbe la mia scelta principale.
  • Con miele e nocciole tritate. Sempre in tema di nocciole, se avete un punto debole per le cose dolci e zuccherine, potete scegliere il vostro miele preferito e aggiungere nocciole tostate e tritate sul momento.

Crespelle di grano saraceno  Summer in Tuscany

Summer in Tuscany  Crespelle di grano saraceno

Sharing is caring:
This Post Has 20 Comments
  1. Beautiful post as always! I just bought buckwheat flour yesterday to make buckwheat gnocchi, but I am tempted by these crêpes now! I will have to make this! Thanks for the inspiration!

    1. I would love to try buckwheat gnocchi, sounds delicious! Thank you for commenting, if you want to share the buckwheat gnocchi recipe I’ll be happy to try!

  2. Mi hai fatto viaggiare e tornare con la mente e i sapori in posti che per me… sono (come) Casa. Con la C maiuscola, sì. In Bretagna sono stata un anno fa e sapessi quanti ricordi splendidi ho chiuso tra i lembi di crepes salate e dolci e caramello al burro salato… e poi la Provenza, tutto quel viola lavanda che buca gli occhi e da quando lo vedi non lo dimentichi più…
    Sono venuta altre volte in questo tuo spazio così accogliente, oggi mi hai strappato un commento emotivo… e domani per pranzo so cosa mangiare.
    🙂

    1. Ho tantissima voglia di andare in Bretagna, io ho visitato solo la Provenza, con molto scetticismo, convinta di trovare una copia della Toscana, e invece me ne sono profondamente innamorata. Ma tanto! le hai poi preparate per pranzo?

  3. A me portano in Normandia, nel Cotentin.
    E poi le crepes le fa spesso mamma e sempre e solo con la marmellata. Sono cresciuta con le crepes dolci abbinate all’insalatina dell’orto.

  4. Ma cosa c’è di più meraviglioso che passeggiare per Firenze (meravigliosa città)e farsi un bagno di folla e di turisti e poi ritornare nella splendida campagna che si vede nelle foto…..per me sarebbe come vivere 365 giorni all’anno in vacanza! Brava!!! continua così!

  5. Con qualche mese di ritardo ho scoperto e provato le tue crepes di grano saraceno! Le ho semplicemente “invernalizzate” con un ripeno di broccoli peperoni e primosale di capra!ottime!complimenti per il blog!!!

    1. ma non è mai troppo tardi, anche perché un bel ripieno così invernale ci sta tutto. Già mi posso immaginare in bocca l’abbinamento azzeccatissimo tra grano saraceno e broccoli!

  6. Ho provato le crespelle con grano saraceno un disastro non mi sono riuscite cosa sbaglio se ho seguito alla lettera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
×Close search
Cerca