skip to Main Content

Crostata con fragole e marmellata di more

Non doveva essere un post, non doveva essere nemmeno una foto studiata. Era una giornata con gli amici: tiepida, variabile, con il sole accecante dei primi giorni di primavera. Guardavamo con apprensione le nuvole cariche di acqua che si rincorrevano in cielo nonostante la nostre danze della pioggia, ci meritavamo almeno un giorno di sole.

Doveva essere una semplice crostata fatta con gli avanzi delle farine, della marmellata della colazione e delle fragole di una torta di compleanno. Doveva essere un dolce senza impegno per concludere una grigliata in giardino con Noa e Draco che si rincorrevano a perdifiato sullo sfondo.

Poi come mi succede sempre più spesso ultimamente ho sentito fortissima la consapevolezza di dover fermare in qualche modo il momento: una polaroid sfocata in cui si riescono comunque a distinguere tutti i sorrisi, un vassoio di salsicce e hamburger passato di mano in mano che piano piano si alleggerisce, il sole sulla pelle, la partita a carte in cui si ride senza un motivo, ascoltare la musica in silenzio, un silenzio non pesante ma leggero, perché è la musica a parlare per noi, la sensazione di essere dove dovevi essere, con le persone con cui volevi stare, e di essere te stessa senza filtri, finalmente.

Come fermare tutto questo? come renderlo eterno o, meglio, infinito? Nell’unico modo che so fare, con un post. A voi, entrati nella mia vita per caso – ma poi è davvero caso, o è un disegno più complesso di cui noi viviamo solo le risate e il divertimento? – grazie. Grazie per aver reso questi ultimi tre mesi più divertenti, pieni, entusiasmanti e vivaci. Grazie per le nuove esperienze che mi avete regalato, per le sorprese, le chiacchiere, le risate, i film al cinema con i bidoni di popcorn, le coccole con i cani, le passeggiate, i messaggi, i risvegli con Whatsapp, i consigli, le speranze di sole e la realtà di pioggia, i progetti di vacanze e mini vacanze. Grazie per una normalità che sa diventare straordinaria. Chissà cosa ci aspetta ancora…

Questa d’ora in poi sarà per me la nostra crostata. Una frolla semi integrale, con farina di farro e zucchero di canna, la marmellata di more di mamma e le fragole della torta di compleanno di Ale. Una crostata speciale perché mangiata tutti insieme, con chi c’era e chi non era proprio lì, ma c’era lo stesso.

5 da 1 voto
Crostata con fragole e marmellata di more
Preparazione
30 min
Cottura
30 min
Tempo totale
1 h
 
Piatto: Dolce
Cucina: Italiana
Porzioni: 8
Chef: Giulia
Ingredienti
  • 150 g di zucchero di canna integrale
  • 150 g di burro a temperatura ambiente
  • 1 uovo
  • 200 g di farina 00
  • 100 g di farina di farro integrale
  • 5 g di lievito in polvere
  • Scorza di 1 limone non trattato
  • 300 g di marmellata di more
  • 100 g di fragole
Istruzioni
  1. Impasta il burro con lo zucchero di canna velocemente, fino a che non sono amalgamati.
  2. Aggiungi l'uovo e poi incorpora le due farine setacciate con il sale e il lievito e la buccia di limone grattata.
  3. Impasta fino a formare una palla, schiacciala leggermente, avvolgila nella pellicola e lasciala riposare in frigo per qualche ora, o anche per una notte.
  4. Scalda il forno a 180°C.
  5. Togli la frolla dal frigo, impastala per ammorbidirla, prendine metà e stendila su una superficie infarinata con un matterello fino a raggiungere circa 5 mm di spessore.
  6. Stendi la frolla sul fondo di una tortiera da 26 cm di diametro, aiutandoti con il matterello.
  7. Stendi la marmellata di more sul fondo della crostata, poi cospargila con le fragole tagliate a pezzettini piccoli.
  8. Con la metà rimasta della frolla decora la superficie della crostata con tante striscioline intrecciate.
  9. Inforna la crostata nel forno caldo per circa 30 minuti, finché non è dorata in superficie. Lasciala raffreddare prima di servirla.

I cani felici…


   

Sharing is caring:
This Post Has 15 Comments
  1. Ma come sono belli questi cani!!! Mi fai tornare la voglia di riprenderne un…nel prato verde fra le margherite….due modelli!
    Oggi ho comprato la prima vaschetta di fragole…chissà che non ti copi la ricetta!! La vostra crostata è bellissima…
    Baci!

  2. Grazie a te, Juls! Inutile dire che la crostata è deliziosa, come deliziose erano le mie torte preferite che hai preparato e che ci siamo mangiati tutti insieme l’altra sera. Le nostre cene, i nostri pranzi, i nostri film, i nostri messaggi, le nostre passeggiate, le nostre canzoni,le nostre coccole con gli amici pelosi e le infinite risate: la sensazione continua di essere dentro a un film! Tre mesi incredibili che non dimenticherò mai! E chissà cos’altro ci aspetta. Un abbraccio… infinito! 🙂
    Ale

  3. La semplice, casalinga, bella crostata di una volta, quella della nonna! Bravissima, ogni tanto, un po’ semplicità porta serenità e gioia di vivere a casa!
    Io adoro questa torta.
    Elli

  4. Adoro le tue ricette e le foto poi sono “gustose” davvero!

    Se ti va passa da me , potremmo seguirci a vicenda…
    il mio BLOG parla di CIBO ,MODA ,VIAGGI ,LETTURE E TUTTO QUELLO CHE CHE C’è DI BUONO E BELLO A QUESTO MONDO! tI ASPETTO, CI CONTO!!
    FEDERICA smartchicdietreadbooksandfly.blogspot.it

  5. che belle queste amiche! gli amici rendono la vita più “sopportabile”. non voglio sembrare troppo cupa, ma a volte è veramente dura e se fossimo pure da soli, come potremmo fare? faccio la tua torta per la festa della scuola dei meii figli domani. sembra troppo buona!
    bello questo blog. mi piace proprio!
    Barbara

  6. allora, ho fatto la torta. sapori ottimi, farro e buccia di limone, fragole e more, proprio ben equilibrati ma il mio impasto era un pò troppo duro. può essere che 180° (forno statico) sono stati troppi? l’ho anche lasciata un pò di più, perché la torta mi sembrava troppo pallidina.
    che pensi?
    grazie,
    Barbara

    1. Duro l’impasto? forse quello più che dalla cottura dipendeva dalla lavorazione della frolla… o anche dalla regolazione del forno, purtroppo alla fine bisogna un po’ regolarci anche in base al nostro forno!

      1. rifatta ed è venuta perfetta. ho lasciato l’impasto in frigopiù a lungo dell’ultima volta. E’ vero bisogna provare e provare,grazie

  7. Leggere le tue parole mi ha trasmesso tutto il sapore buono delle giornate spensierate, del potere della semplicità, del senso dell’amicizia, dei sorrisi che scaldano, del tempo che passa veloce quando si sta bene…
    E la crostata, beh, unisce more e fragole, due frutti che adoro… 🙂


  8. Ottima ricetta, ottimo dolce!
    Gustosa e semplice da preparare con tutti gli ingredienti ben calibrati.
    E’ stato un gran successo e dire che ero titubante perché a me di solito le crostate non vengono bene.

    Grazie Giulia!

I commenti sono chiusi.

Back To Top
×Close search
Cerca