skip to Main Content

Cacciucco di Ceci, una zuppa toscana con ceci e bietole

Mi accorgo che l’autunno è arrivato al primo brivido di freddo quando scendo al mattino per aprire le finestre; quando tiro fuori dall’armadio le sciarpe più pesanti per proteggermi dal vento; quando mele, pere, castagne, funghi e zucche iniziano ad affollare i banchi del mercato.

Ma soprattutto, so che l’autunno è davvero arrivato quando mi ritrovo a desiderare una zuppa quasi tutte le sere. Posso preparare un minestrone di verdure, una vellutata di ceci e zucca, un brodo di pollo dorato punteggiato di pastina, o una sostanziosa zuppa di orzo e verza che viene dalle Alpi.

Se l’estate è tutta dedicata alle insalate, l’autunno è il momento in cui le zuppe fanno il loro glorioso ritorno nelle cucine di casa e nelle trattorie.

Per citare la scrittrice Laurie Colwin, da Home Cooking: “Non c’è niente come la zuppa. È per sua natura eccentrica: non ce ne sono mai due uguali, a meno che non si prenda la zuppa in scatola.”

Una zuppa calda ci regala conforto immediato e, il più delle volte, non richiede alcuno sforzo. Basta raccogliere tutti gli ingredienti in una pentola e metterli sul fuoco, farli sobbolire finché i sapori non si fondono in un tuttuno armonico. Nel frattempo, il vapore che sale in spirali dalla pentola riscalda lentamente la cucina. Versati una porzione abbondante in una ciotola: gli effetti confortanti iniziano già prima del primo cucchiaio. Le tue dita avvolte intorno alla ciotola iniziano a dimenticare il freddo che hanno provato all’aperto, e trasmettono al tuo corpo un accogliente tepore.

cacciucco di ceci

Questi piatti economici e sazianti sono un perfetto esempio di cucina povera, la tradizione culinaria contadina italiana. Un mucchio di verdure di stagione, legumi o pane raffermo vengono trasformati in piatti che saziano stomaco e anima.

Il pane raffermo gioca un ruolo fondamentale nelle zuppe italiane, tanto che, in teoria, si può chiamare un piatto zuppa solo quando c’è del pane al suo interno. Senza il pane, si parla di minestra o minestrone, zuppe brodose arricchite con pasta, riso, orzo o farro. Se si frullano le verdure e si addensa il risultato con la panna, si ottiene un passato, e così via…

Le zuppe prosperano anche con gli avanzi, perché possono trasformare una tazza scarsa di lenticchie, uno spicchio di zucca arrostita e qualche tazza di buon brodo fatto in casa in un piatto completo.

Preparare una zuppa è rilassante, il modo migliore per concludere una giornata: un lento sobbollire, un mescolare ipnotico, una consistenza vellutata, ogni cucchiaiata che riscalda dall’interno e riporta alla mente ricordi d’infanzia. Le zuppe, per me, sono la quintessenza dell’autunno, un conforto per lo stomaco e per l’anima.

cacciucco di ceci

Cacciucco di Ceci

Il cacciucco più famoso è una zuppa di pesce della cucina povera della costa livornese, fatta con i pesci più piccoli e meno pregiati rimasti sul peschereccio o invenduti ai banchi del pesce. Il cacciucco di ceci, però, non ha pesce al suo interno, solo ceci e bietole. Se non fosse per un’acciuga salata sciolta nell’olio nei primi minuti di cottura, questo sarebbe un piatto vegano. (Nel caso in cui non ci siano restrizioni dietetiche, però, non rinunciare all’acciughina: regala al piatto un guizzo di umami potente).

Se hai tempo, metti in ammollo mezzo chilo di ceci secchi per una notte, cuocili a fuoco basso per un paio d’ore finché non diventano morbidi, quindi usali per questa ricetta.

Non buttare la loro acqua di cottura, perché aggiungerà un sapore più intenso e una consistenza cremosa alla zuppa. Ma se hai fretta, non preoccuparti: puoi usare ceci in scatola di buona qualità e in meno di mezz’ora avrai un piatto sostanzioso ricco di verdure e proteine vegetali.

Aggiungi qualche fetta di pane arrostito – se ti piace, strofinalo con l’aglio – e avrai un pasto sano ed equilibrato che ti riscalderà in questi primi giorni di freddo.

cacciucco di ceci

 

Cacciucco di ceci
Stampa questa ricetta Pin it!
No ratings yet

Cacciucco di ceci

Il Cacciucco di ceci è una zuppa toscana a base di ceci e bietole, un piatto sano ed equilibrato che vi riscalderà nei primi giorni di freddo.
Cucina Toscana
Keyword zuppa
Preparazione: 10 minuti
Cottura: 45 minuti
Porzioni 4 porzioni abbondanti

Ingredienti

  • 1 filetto di acciuga, salata
  • 60 ml olio extravergine di oliva
  • ½ cipolla rossa, sbucciata e affettata finemente
  • 2 spicchi di aglio, sbucciati e tritati
  • 3 pomodori pelati, tagliati a cubetti
  • 400 g bietole fresche, sciacquate e tagliate a strisce
  • 700 g ceci già cotti
  • 700 ml acqua di cottura dei ceci, o acqua
  • Sale
  • Pepe nero appena macinato
  • 8 fette pane tostato

Istruzioni

  • Sciacquate l'acciuga sotto l'acqua corrente. Separatela in due filetti e rimuovete delicatamente la spina. Adagiate i filetti su un foglio di carta da cucina per farli asciugare.
  • In una pentola versate l'olio d'oliva, mettetela su fuoco basso, quindi aggiungete la cipolla affettata finemente, l'aglio tritato e i filetti di acciuga. Cuocete, mescolando, per 5 minuti, finché l'acciuga non si sarà sciolta nell'olio.
  • Aggiungete i pomodori tagliati a cubetti, mescolate accuratamente per far insaporire tutto e fate cuocere a fuoco medio-basso per circa 5 minuti, finché i pomodori non iniziano a trasformarsi in una salsa.
  • Aggiungete le bietole, mescolate e cuocete coperto per 10 minuti, a fuoco medio-basso, finché le bietole non si ammorbidiscono.
  • Frullate ⅓ dei ceci con la loro acqua di cottura e aggiungete il composto alla pentola. Aggiungete i ceci rimanenti, alzate la fiamma fino a quando il composto non sobbolle vigorosamente, quindi fate cuocere per circa 15 minuti, mescolando di tanto in tanto. Assaggiate e condite con sale e pepe.
  • Versate nelle ciotole, aggiungete due fette di pane tostato in ogni ciotola e condite con olio extravergine d'oliva per servire.
  • La zuppa è ancora più buona il giorno dopo. Lasciatela raffreddare completamente, quindi copritela e conservate in frigorifero. Riscaldatela delicatamente a fuoco basso, aggiungendo un po' d'acqua se necessario per renderla più fluida.
Hai provato questa ricetta?Ci piace vedere tutte le tue creazioni su Instagram, Facebook & Twitter! Scatta una foto e condividila taggando @julskitchen e usando l’hashtag #myseasonaltable!

Altre zuppe di stagione dall’archivio del blog

  • Acquacotta, la zuppa di sassi toscana. Oltre al pane, all’acqua e alle cipolle, ci sono i pomodori, una lattina di pelati che la mamma ha fatto durante l’estate, l’uovo cotto nella zuppa stessa e una buona dose di pecorino grattugiato, che è semplicemente divino quando si fonde con il tuorlo d’uovo liquido.
  • Pasta e fagioli, zuppa di fagioli e pasta. Un battuto classico, fatto di un trito di carote, sedano e cipolla, per iniziare, poi fagioli cannellini, una buona pasta e un cucchiaio di concentrato di pomodoro per dare sapore e colore. Per finire, un filo d’olio extravergine d’oliva a crudo e un po’ di pepe nero macinato al momento.
  • Vellutata di patate e carciofi. La zuppa può essere servita con altri carciofi saltati e crostini di pane dorati cotti con la santoreggia, o anche con nocciole e mandorle tostate, se si vuole mantenere la zuppa senza glutine.
  • Zuppa di patate, porcini e castagne. Una confortante zuppa toscana di patate, porcini e castagne, un perfetto piatto casalingo che può facilmente piacere agli amici per cena.

Icriviti a Lettere dalla Toscana, la nostra newsletter su Substack

Forse avrai notato che questo blog è rimasto in silenzio per un paio di mesi. La nostra newsletter, invece, non è mai stata così frizzante e ricca di storie e ricette come ora. Scrivere su Substack è come tornare ai primi mesi di blog: è più spontaneo, diretto, sperimentale, e ci dà la possibilità di essere veramente noi stessi, di concentrarci sulla scrittura e sulla condivisione di ricette buone e che funzionano, senza il fastidio dell’algoritmo. 

Abbonandoti alla nostra newsletter, ci sosterrai direttamente e contribuirai alla realizzazione di Lettere dalla Toscana.

Amiamo Lettere dalla Toscana perché è come avere una nostra rivista indipendente: testiamo, fotografiamo, scriviamo ogni ricetta solo per te. È un modo di condividere contenuti di valore, le ricette che ci piacciono, create per ispirarti, per portare stagionalità e tradizione nella tua cucina, per te e per la tua famiglia.

Iscriviti o abbonati qui.

cacciucco di ceci

Sharing is caring:

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valutazione ricetta




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
Cerca