skip to Main Content

Insalata di patate e fagiolini. Benvenuto Luglio

Sono seduta in una stanza tranquilla, in penombra, sgranocchiando taralli. Dalle persiane socchiuse posso vedere il sole cocente dei pomeriggi estivi salentini.

Finalmente, dopo quasi due anni, siamo quaggiù, nel tacco dello stivale italiano. Stiamo venuti a trovare una parte della famiglia di Tommaso, per dare a Livia la possibilità di vivere le stesse vacanze al mare che suo padre ha fatto da quando è nato. Gli anni passano, alcune persone care se ne sono andate, ma questa vita da spiaggia in famiglia è sempre la stessa: cibo, odori, pisolini e caffè inclusi. Ci sentiamo così accuditi, così grati di essere qui.

E ora, come sempre, una lista di cose che sto cucinando, ascoltando, guardando e leggendo, tratte dalla ultima newsletter, perché questo è ciò che mi mantiene ispirata e connessa.

Caffè in ghiaccio

Cosa sto cucinando.

Non molto, a dir la verità, visto che in questi giorni mi limito principalmente a sedermi a una tavola già apparecchiata, godendomi tutto il cibo che Fabio, lo zio di Tommaso, prepara nella sua cucina pittoresca. Enormi padelle di alluminio che appartengono agli anni in cui tutta la famiglia si riuniva qui per le vacanze estive sono appese al muro, insieme a trecce di cipolle e aglio, mazzi di rosmarino, foglie di alloro e peperoncini. Il lavandino è fuori, accanto alla doccia che usiamo dopo la spiaggia, di fronte a un albero di limone gigante che, ogni tanto, fa cadere un limone con un tonfo sordo. Ho usato le foglie del limone per grigliare del petto di pollo, e il mio primo pensiero è stato: voglio un albero di limoni per il mio prossimo quarantesimo compleanno!

In questi giorni stiamo banchettando con zuppa di pesce, frittura mista, gamberi rossi crudi di Gallipoli (potrei averne mangiati forse qualcuno di più del normale), parmigiana di melanzane avvolta nella pasta della pizza – sì, stai leggendo correttamente, e sì, era proprio buona come puoi immaginare -, dentice al forno su un letto di patate tagliate sottili, pasticciotti (condividerò presto la ricetta di questi scrigni di frolla ripieni di crema nella nostra newsletter in abbonamento), e rustici. I rustici sono uno street food che si trova nei forni, nelle rosticcerie, nei bar e nelle pasticcerie di Lecce e nel resto del Salento. Si mangiano quando ti prende la voglia, a metà mattina, nel pomeriggio per merenda, a tarda sera o, cosa che Tommaso ama, per colazione.

Mi avvicino ai fornelli solo per preparare i pasti di Livia, e per un paio di piatti estivi dei quali non riesco a fare a mano, come la pappa al pomodoro o l’insalata di fagiolini e patate che condivido oggi sul blog.

Salento

Cosa sto leggendo.

Leggere durante le vacanze estive è un piacere puro, che rivaleggia il tempo trascorso sprofondata in poltrona persa nei gialli durante le vacanze di Natale. Ecco perché sono così esigente quando si tratta di scegliere il libro da portare con me. Quest’anno ho scelto il memoir di Fanny Singer, Always Home, una scelta azzeccatissima. L’autrice è la figlia di Alice Water, e condivide momenti di vita quotidiana con sua madre, ma si può perfettamente immaginare come questi momenti ordinari siano del tutto straordinari per noi. C’è un forte senso di casa che permea tutto il libro, vivido di ricordi e personaggi che si impara ad amare immediatamente. Mi sono innamorata dell’uso sinestetico del linguaggio di Fanny, e di molte ricette che condivide. Dammi il tempo di cucinare qualche ricetta, e ti dirò di più di questo libro presto.

Sto anche rileggendo un altro libro, Will Write for Food, di Dianne Jacob, giunto alla quarta edizione. È un libro che ho consumato: ogni volta che lo rileggo, scopro qualcosa di nuovo, qualcosa di stimolante, o utile, un trucco o un nuovo autore. Se sei curioso e vuoi sapere di più sul lavoro di Dianne Jacob, c’è una vecchia intervista a Dianne che ho condiviso sul blog nel 2012. La trovi qui.

Cosa sto guardando.

Poco prima di partire abbiamo guardato Luca, il nuovo film della Disney Pixar. È un film che celebra la gioventù, l’amicizia, la diversità e l’inclusività. Se la storia non fosse già abbastanza commovente, aggiungi la musica italiana degli anni ’60, la passione per la Vespa, il paesaggio ligure mozzafiato, e una celebrazione del cibo della Riviera italiana, dal gelato alla focaccia fino alle trenette al pesto (fatte proprio con patate e fagiolini). Puoi leggere un’intervista relativa al cibo con Enrico Casarosa, il regista di Luca, per La Cucina Italiana qui.

Quando abbiamo fatto le trenette al pesto, mi è tornato in mente il modo in cui le preparano a Genova. Nell’acqua della pasta bollente si mettono fagiolini e patate. Questa è la tradizione, ed è un piccolo dettaglio divertente. Volevamo catturare proprio questi particolari tipicamente genovesi. L’altro aspetto davvero divertente è che ho fortemente voluto che Giulia, altro personaggio di Luca, utilizzasse il mortaio di marmo proprio perché fa parte della tradizione del pesto.

Salento

Cosa sto ascoltando.

Radio Cherry Bombe. Radio Cherry Bombe presenta interviste con le persone più interessanti del mondo del cibo, donne nella maggioranza dei casi. È divertente, stimolante, e ti fa riflettere. Grazie a questo podcast ho scoperto autori di libri interessanti, ho imparato cose nuove riguardo la scrittura, la cucina, lo sviluppare ricette, e l’uguaglianza. Due degli episodi più recenti che mi sono piaciuti molto sono Alice Waters and Fanny Singer on Slow Food and Family ties, che mi ha fatto scegliere proprio il memoir di Fanny Singer come lettura per le vacanze, e Ina Garden and Stanley Tucci on Julia Child and the making of “Julie & Julia”.

Insalata di patate e fagiolini

Insalata di patate e fagiolini

Un incrocio tra un’insalata di fagiolini e un’insalata di patate, questo è il mio piatto preferito per l’estate, profumato con basilico fresco e condito con tanto olio d’oliva piccantino. Preparalo in grandi quantità, perché ha tutto quello che rende perfetto un contorno estivo.

I miei segreti, che poi non sono mica tanto segreti, per fare un’insalata di patate e fagiolini fuori dall’ordinario solo solo due.

Prima di tutto, scegli ingredienti di alta qualità: qui ho usato dei fagiolini freschi e fini e delle patate rosse locali, comprati entrambi al mercato. Aggiungi una manciata di olive carnose e un olio extra vergine di oliva dal sentore piccante e amarognolo. 

Poi, condisci l’insalata quando tutto è ancora caldo, mescola vigorosamente per far sì che l’olio, il sale e il pepe intridano le patate e i fagiolini. Aggiungi qualche foglia di basilico e lascia riposare l’insalata a temperatura ambiente per mezz’ora prima di servirla. Fatta. Semplice e buonissima! La mia insalata di patate preferita per l’estate.

Insalata di patate e fagiolini
Stampa questa ricetta Pin it!
5 da 1 voto

Insalata di patate e fagiolini

Un incrocio tra un'insalata di fagiolini e un'insalata di patate, questo è il mio piatto preferito per l'estate, profumato con basilico fresco e condito con tanto olio d'oliva piccantino. Preparalo in grandi quantità, perché ha tutto quello che rende perfetto un contorno estivo.
Portata Contorno
Cucina Italiana
Keyword fagiolini, insalata, patate
Preparazione 10 minuti
Cottura 30 minuti
Tempo di riposo 30 minuti
Tempo totale 1 ora 10 minuti
Porzioni 4 persone

Ingredienti

  • 500 grammi fagiolini
  • 500 grammi patate
  • 2 cucchiai olive taggiasche
  • 6 cucchiai olio extravergine d'oliva
  • Una manciata di foglie di basilico fresco
  • Sale
  • Pepe nero appena macinato

Istruzioni

  • Pulite i fagiolini staccando con le estremità. Sciacquateli e sbollentateli per circa 15 minuti in una pentola di acqua bollente salata. Scolateli quando sono ben cotti e passateli sotto l’acqua fredda: questo ne fermerà la cottura e manterrà un colore verde brillante.
  • Lavate le patate sotto l’acqua corrente per togliere ogni eventuale residuo di terra. Mettetele in una pentola e copritele di acqua. Cuocete le patate a fuoco medio fino a che non riuscirete a trapassarle facilmente con la punta di un coltello.
  • Quando le patate sono cotte, scolatele, passatele rapidamente sotto l’acqua fredda e sbucciatele subito.
  • Spezzettatele e raccoglietele in una ciotola con i fagiolini. Conditele immediatamente, finché sono calde, con le olive, l’olio extra vergine di oliva e il basilico. Assaggiatele e regolatele di sale e pepe.
  • Mescolate bene, e non preoccupatevi se le patate si ammaccheranno un po’, questo non farà altro che aiutare il condimento nell’insaporire le patate.
  • Lasciate riposare le patate e i fagiolini per almeno mezz’ora, dando il tempo agli ingredienti del condimento di legarsi, e poi servite l’insalata tiepida o fredda, come contorno.
Hai provato questa ricetta?Ci piace vedere tutte le tue creazioni su Instagram, Facebook & Twitter! Scatta una foto e condividila taggando @julskitchen e usando l’hashtag #myseasonaltable!

Insalata di patate e fagiolini

 

 

Sharing is caring:

Questo articolo ha 3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
Cerca