skip to Main Content
Lasagne Bastarde

Le castagne in Toscana e le lasagne bastarde con sugo di noci

Nonna ha da sempre un debole per i dolci. Da bambina, prima di andare a scuola, passava spesso a chiamare una sua amica. La incontrava al mulino  della sua famiglia. Prendevano una manciata di castagne secche dai grandi sacchi che aspettavano all'ingresso, pronti a diventare farina. Infilavano le castagne in tasca e andavano a scuola. Durante la mattinata sgranocchiavano quelle…

Read More
Pannacotta Alla Camomilla E Ciliegie

La camomilla di San Giovanni. Panna cotta alla camomilla e ciliegie

Nonna tiene ancora il suo libro delle erbe su un leggio, in salotto. Ha una posizione centrale in casa sua. Quando ero piccola passavo ore a sfogliare quel tomo massiccio, dall’aria importante, pieno di disegni, foto, usi e rimedi. L’estate aveva il profumo inebriante dei fiori di tiglio e quello più delicato, quasi materno, della camomilla. Avevo imparato a riconoscerla,…

Read More
Pasta Zucchine E Zafferano

La fata madrina delle vecchie ricette. Pasta zucchine e zafferano.

C'era un tempo prima di incontrare Tommaso in cui provavo ricette con dedizione e assiduità per poi raccontarle qui sul blog. Sembrano passate ere geologiche, eppure parlo di una decina di anni fa. C'erano meno filtri, meno aspettative. Cucinavo, fotografavo in fretta e riversavo scoperte e nuovi sapori tra queste pagine. La memoria storica di quegli anni è Claudia, una…

Read More
Torta Di Farro E Ricotta

Crostata di farro e ricotta. È ora di merenda

Gennaio e febbraio sono due mesi che passiamo prevalentemente a lavorare da casa. Durante il resto dell’anno ci dividiamo tra la cucina dello studio e quella di casa, portando su e giù per le scale pentole in ghisa, ricette già pronte che devono solo essere scaldate per cena e sacchi di farina, e dando prova di equilibrismo con arance e…

Read More
Riso Al Latte

Un Natale spontaneo. Il riso al latte con mele cotogne al forno

La sera della vigilia di Natale nonno Remigio e nonna Margherita, a San Gimignano, mettevano a letto mamma e zia e socchiudevano la porta della loro camera. Nel soggiorno iniziavano a preparare in segreto e con il massimo silenzio l’albero di Natale. Sceglievano ogni anno un piccolo ginepro, che riempiva la casa con l’odore forte della resina, e lo decoravano…

Read More
Back To Top
×Close search
Cerca